Per il nostro terzo anniversario di nozze abbiamo ...

Recensione di del 24/05/2008

Torre del Saracino

109 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 109 €

Recensione

Per il nostro terzo anniversario di nozze abbiamo passato un bel week-end lungo a Napoli e per festeggiare alla grande siamo andati a pranzo da Gennaro Esposito.
Abbiamo preso la circumvesuviana in città e siamo scesi a Vico (per un problema al treno) ma la fermata più vicina è Seiano, da li una discesa verso il mare che si può fare tranquillamente a piedi per farvi viziare da una splendida vista e da ottimo cibo. Grazie alla telefonata di un nostro caro amico, lo staff di Gennaro ci è venuto a prendere alla stazione, questo è stato l’inizio di un pranzo memorabile dove alla superba cucina si affianca professionalità, gentilezza estrema e simpatia non solo di tutto lo staff, ma anche dallo chef in persona che passa spesso tra i tavoli e da noi è venuto personalmente a prendere l’ordinazione.

Il ristorante non è molto grande, si affaccia su un suggestivo lembo di golfo, terrazza all’entrata con tavoli fuori per la bella stagione e arredamento sobrio ed elegante dentro.
Ci accomodiamo all’interno, visionamo il menu, saltiamo l’aperitivo poiché io non amo moltissimo le bollicine, arriva l’acqua e lo chef in persona, scegliamo entrambi 2 menu degustazione “Proposta di Salvatore” chiedendo una sostituzione per entrambi di un primo che ci ha colpito in carta e per me anche del dolce (anche se alla fine ne arriveranno 3!).

Cestino del pane con buonissimi grissini grandi, credo alla farina di mais e 1 fettina di pane integrale e un paninetto depositati nel piattino apposito per entrambi.

Iniziamo con:
Zuppa d’aglio novello, lasagnetta di grano arso, anguilla affumicata e schiacciata di patata, con sopra una specie di carciofo fritto, inizio delicato e intrigante.
Crudo e cotto di vitello di boves e tonno pinna gialla, il piatto è semplice, ma è stato uno dei migliori, il sapore della carne cruda e cotta alternata al tonno è un contrasto sublime: tonno rosso crudo, carne cruda battuta, tonno cotto e carne marinata.

Qui al posto del risotto abbiamo ordinato ravioli ripieni di cavolfiore e pecorino con salasa di vongole e aglio croccante, meravigliosi, il ripieno gentile viene rinforzato dalla sapidità della salsa di vongole.
Sorpresa della cucina per tutti, risotto al nero di seppia e zafferano, alla vista incanta il contrasto, il piatto è per metà nero e per metà giallo, al palato è squisito, cottura e mantecatura perfetti, porzione abbondante che sono costretta mio malgrado a lasciare per poter proseguire.

Ricciola con brodo di baccelli di piselli, lattuga scottata, emulsione di cotica di prosciutto d’Osvaldo, una bella porzione di ricciola, sormontata da una foglia di lattuga croccante adagiata sul dolce brodo di baccelli di piselli, con contorno di carote e baccelli lessi.
Variazione di maiale nero casertano, forse da questo piatto ci apettavamo di più, 3 pezzi di maiale in diverse cotture, piccola costoletta fritta e gli altri in 2 cotture con salsa.

Pre-dessert: cremoso di ricotta di bufala con coulis di fragole e lampone.

La degustazione finiva con parfait al caramello con cremoso di mandarini, ma io non amo molto il sapore degli agrumi e scelgo un delizioso millefoglie di ricotta e pere, inutile dirvi che arriveranno 2 parfait e un millefoglie, essendo già sazia continuo con la mia scelta che si rivela azzeccatissima.

Piccola pasticceria stupenda: 2 mini cannoli siciliani, 2 crostatine alla frutta, 2 biscotti alla pasta di mandorle, 2 piccole meringhe e 3 baci di dama e alla fine anche il carrello del cioccolato, che io salto, e dal quale Luca sceglie 2 pezzi al 70 e 85% fondente.

Il vino che abbiamo scelto insieme al bravissimo sommelier è un rosso di media struttura molto piacevole che ha accompagnato bene sia la carne che il pesce Mastroberardino Avalon rosso 2003 90% Piedirosso e 10% Aglianico, più un bicchiere di Camarano Villa Matilde per Luca per accompagnare l’ultimo secondo. Con 3 bottiglie di acqua conto totale 218 euro.

190 euro i due menu degustazione.
22 euro il vino.
6 euro l’acqua.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.