Da riprovare la cucina più tradizionale.

Recensione di del 06/11/2013

Trattoria al Bersagliere

44 € Prezzo
6 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 44 €

Recensione

Per lavoro a Verona pranzo in questa “trattoria” vicinissima a Piazza Bra, sita in una tranquilla via di vecchie case ben curate. Dalla sala del bar, con bancone e annessi avventori che “cichetavano” allegramente, si accede ad una serie di salette da pranzo luminose e chiare e tavoli apparecchiati con classicità. Vengo fatto accomodare ad un tavolino che mi offre una splendida vista su numerose bottiglie di rum pregiato.
Mi portano il menù e la lista dei vini, lista ricca di bottiglie interessanti e di pregio con particolar occhio ai veneti e soprattutto all’Amarone. Berrò due calici di un discreto Valpolicella di cui non ricordo il produttore.
Pane di panetteria servito assieme ad alcune fettine di pane leggermente oliate.
Acqua microfiltrata
Il menù è focalizzato soprattutto sulla cucina locale con puntate in preparazioni non strettamente venete.
Visto la riunione che mi aspetta nel pomeriggio tralascio a malincuore l’antipasto di polentine calde ed affettati e mi focalizzo su primo e secondo.

Il primo che scelgo è taglierini in brodo con fegatelli. Brodo di manzo bollente (devo togliermi gli occhiali per sorbirlo per evitare che mi si appannino!) dove è stato cotta una generosa porzione di taglierini di ottima fattura ed un’altrettanto generosa porzione di fegatini di pollo. Cottura ineccepibile per ambedue gli ingredienti, i taglierini ancora con nerbo ed i fegatini leggermente al rosa non facilissimo a mangiarsi senza l’ausilio di cucchiaio e forchetta per gestire i tagliolini. Ho gradito molto il piatto nonostante la sua semplicità per la cottura e la qualità della materia prima.

Il secondo che scelgo, con un’occhiata di rimpianto al baccalà con polenta, è filetto all’Amarone.
Arriva un filetto di buone dimensioni, con la sua brava salsa all’amarone, due fogli d’insalata ed un truciolo di carota a decorazione. Il filetto lo avrei preferito più rosa, la riduzione di Amarone mostrava un leggero eccesso di acidità a mio gusto. Per i 18 euro magari una fettina di polenta grigliata od una fetta di patata potevano anche aggiungerle.

Termino con un buon gelato al mango consigliatomi dal patron con il quale ho scambiato un paio di chiacchere ed un caffè normale.

Che dire? Devo ritornarci per testare più a fondo la cucina locale (leggi i bigoli e polenta con baccalà) che se sono in linea con il mio primo piatto saranno sicuramente ottimi. La scelta del filetto all’Amarone, fatta per evitare l’abbiocco postprandiale, si è rivelata nella media, senza luci nè ombre.
Servizio cortese ed efficiente, ambiente sicuramente caldo e gradevole.
Totale spesa 44 euro di cui 7 euro di due calici, 2 euro di acqua microfiltrata, 2 euro di caffè e 2,5 euro di coperto.
Ricevuta N° 021174

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.