Se non si è del posto occorre una buona guida perc...

Recensione di del 07/02/2008

Da Annetta

72 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 72 €

Recensione

Se non si è del posto occorre una buona guida perchè non è facilissimo da trovare situato lungo una strada non particolarmente larga e tra due curve semicieche che non facilitano la reimmissione nel traffico. La costruzione è però molto affascinante - è una vecchia posteria molto ben ristrutturata - e soprattutto ha un enorme parco/giardino parcheggio che rende subito di buon umore. E poi c'è anche il sole.

L'ingresso è molto accogliente, persino caldo, allietato da una un po' ostentata esposizione di distillati e bottiglie di vino dai nomi altisonanti.

Siamo i soli cinque clienti nonostante nel parcheggio ci siano almeno una decina di auto. Ci viene in mente, maliziosamente, che il ristorante disponga anche di camere ma abbandoniamo subito i cattivi pensieri.

All'interno tre sale, tavoli abbastanza distanziati, molto bene apparecchiati con stoviglie e bicchieri senza un granello di polvere. Sembrerebbe tutto a posto per accogliere quei commensali che purtroppo non ci sono.

Titolare e cameriera - quest'ultima molto brava e discreta - ci dedicano molta attenzione e mentre ci viene servita una rosetta di culatello con carciofo sott'olio "della casa" insieme con un calice di prosecco, arrivano l'acqua, un vassoio di crscenta molto appetitosa, diversi tipi di pane e grissini e i menu.

Tra diverse proposte tutte apparentemente interessanti sia di terra sia di mare scegliamo una insalata di carciofi in crosta di parmigiano molta buona e con la cialda di grana preparata al momento e un tonno di coniglio che si rivelerà discreto.

Saltiamo i primi perchè nel pomeriggio dovremmo poi riprendere la discussione su temi importanti e tanto per contraddire i buoni propositi la scelta dei secondi è quasi unanime su un brasato di guancia di chianina con polenta grossa mentre uno dei cinque opta per una tartare di tonno.
Il brasato è molto tenero anche se - e come si fa a pretendere che sia fatto al momento - risente di qualche sosta forse prolungata in frigorifero mentre la tartare di tonno arriva in realtà "scottata". Come a voler malcelare una perduta freschezza. In ogni caso tutto di qualità discreta, sicuramente meglio che in tanti altri posti.

Chiudiamo con i dolci che spaziano dal cappuccino di marron glacè, alla mousse di pistacchio col cioccolato fondente, al gelato col zabaione flambè. Quest'ultimo forse davvero non freschissimo.

Dalla cantina uno Chardonnay di Sanct Valentin per tentare una sintesi tra i diversi piatti come sempre ottimo e a ricarico abbasatnza normale. Nota negativa la carta dei vini costruita con ambizioni importanti e quindi con presenza altisonanti sia negli champagne sia nei rossi e bianchi e da dessert e con un'ampia scelta di proposte francesi. Ma troppi asterischi a segnalare un esaurito preoccupante.

Il prezzo di 360 euro compleesivi conferma le difficoltà del locale.
Peccato perchè il posto e l'ambiente sarebbero davvero perfetti, il servizio è comunque curato, professionale e cortese, mentre la cucina denota purtroppo qualche stanchezza e soprattutto qualche mancata freschezza.
Viene in mente che scegliendo forse un profilo un pò più basso qualche cliente in più potrebbe essere tentato da questa "scampagnata" e il tutto potrebbe probabilmente riprendere vita e vigore.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.