Ingolositi da una recensione di Gianni Mura, che s...

Recensione di del 30/07/2009

Osteria delle Vigne

27 € Prezzo
7 Cucina
5 Ambiente
5 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 27 €

Recensione

Ingolositi da una recensione di Gianni Mura, che sull'Espresso ha lodato qualità (e varietà) dei tortelli, abbiamo prenotato un tavolo in questa osteria (vista l'esiguo numeri dei coperti - una trentina, tutti all'interno - la prenotazione è quasi d'obbligo).
Noi arrivavamo da Parma, ma in ogni caso la si può raggiungere facilmente anche da altre città poiché dista non più di 3-4 chilometri dall'uscita autostradale di Fornovo (autostrada A/15). Dal casello si imboccherà la statale e, sulla sinistra, troverete l'anonimo caseggiato che ospita l'osteria.
Nessun problema per il parcheggio poiché, proprio a fianco del locale, vi è un ampia area di sosta, parzialmente sterrata.

Entrando vi troverete davanti ad una piccola saletta (che fa molto bar di paese), seguita da un'altra sala, leggermente più ampia, arredata con semplicità. Purtroppo l'acustica è pessima (se agli altri tavoli due-tre persone parlano a voce più o meno alta si fatica a sentire il proprio commensale) ma, di contro, i tavoli sono tutt'altro che ammassati.
Il coperto è essenziale: comunissime tovagliette di carta e bicchieri (fortunatamente di vetro) da supermarket, ma quantomeno non vi viene addebitato nulla sul conto.

Altrettanto scarno il servizio, affidato alla nuora dei titolari, che non prevede la presentazione cartacea dei menu. Fermo restando che va benissimo l'elenco a voce, sarebbe quantomeno opportuno che la cameriera non si presenti con un «Buonasera, ditemi...». Ma ditemi che cosa, se non ci hai ancora elencato le portate?

Venendo a queste ultime, che poi sono il fulcro della cena e di questa recensione, ci siamo lasciati tentare dalla torta fritta (piatto tipico emiliano, composto da pasta di pane fritto nello strutto, noto in altre zone come "gnocco fritto") con accompagnamento di salumi. Le porzioni presentate erano decisamente abbondanti e, fondamentale per quanto concerne la torta fritta, la pasta era tutt'altro che unta. Anche i salumi (prosciutto, spalla cotta, culatello, pancetta e salame) valevano decisamente l'assaggio, ma in queste zone è piuttosto comune imbattersi in salumi di qualità.

Passando poi ai primi abbiamo seguito il "consiglio" di Mura e optato per i tortelli.
Approfittando della possibilità di ordinare un bis o un tris (ovvero piatti con due o tre ripieni differenti), abbiamo scelto tortelli d'erbetta, di patate (un po' asciutti a dire il vero) e finocchietto selvatico. Ma tra le opzioni figuravano anche con ripieno di porro o barbabietola.
I tortelli sono preparati sul momento, dopo l'ordinazione, quindi nulla da eccepire sulla freschezza della pasta e, dopo l'assaggio, nessun appunto da muovere neppure ai ripieni (tolte le già citate patate). A voler pignoleggiare, sarebbe forse opportuno che il grana padano venisse servito a parte, per consentire a chi (come me) non lo ama, di evitare di ritrovarsi i tortelli "ricoperti" di schegge di formaggio.

Saltati a piè pari i secondi (tra gli altri "classici" come la punta di vitello ripiena e la tagliata di manzo) ci siamo fatti elencare i dessert (abbondanza di piatti a base di cioccolato) optando infine per una macedonia di frutti di bosco.

Abbiamo pagato un conto nella norma per un posto simile (54 euro) ma, spulciando tra le voci dello scontrino, qualche anomalia l'ho rilevata: ad esempio far pagare 2 bottiglie d'acqua da 0,75 ben tre euro l'una e la macedonia di frutti di bosco (una scodellina neppure troppo grande) 5 euro.
Cifre bilanciate dal costo corretto dei piatti (8 euro a porzione la torta fritta e 10 euro ciascun primo piatto) e del vino (una caraffa da mezzo litro di lambrusco a 5 euro), ma comunque un po' eccessivi.
Tirando le somme, se passate in zona, l'osteria merita una visita, ma francamente non mi sentirei di consigliare a qualcuno di macinare decine di chilometri per far tappa qui.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.