Effettivamente come già sottolineato da un mangion...

Recensione di del 04/02/2007

Campo delle Stelle

28 € Prezzo
6 Cucina
7 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 28 €

Recensione

Effettivamente come già sottolineato da un mangione che l’ha provato, all’atto della prenotazione, lascia perplessi la trascuratezza di colui che poi si rivela il titolare di non richiedere né nome né riferimento telefonico a quasi neppure l’ora prevista per l’arrivo.
Il locale l’ho conosciuto in quanto trovasi su strada che percorro in alternativa alla A8/9 allorché uscendo da Milano, nelle sere di traffico congestionato mi trovo a transitare, pertanto per il sottoscritto è stato di facile reperibilità così come il parcheggio posto sulla stradina laterale.
Per diverso tempo ho notato su due vetrate del locale prospicienti la strada delle scritte inneggianti al “menu a prezzo fisso 13 euro” fatto questo che per un po’ mi ha tenuto lontano dall’entrarvi, essendo state rimosse da qualche tempo mi sono deciso a provarlo.

Ambiente.
Diviso su due sale per complessivi 35/40 posti, si presenta piuttosto freddo ed in particolare non ho apprezzato la controsoffittatura simile ad un graticcio color paglia appassita (mi dà l’idea di polveroso); ordinati e ben distanti i tavoli essenziali le stoviglie così come i bicchieri. Sono in bella vista sopra una tavola adiacente l’ingresso diversi prodotti da forno che attirano la mia attenzione.

Servizio.
E' il titolare direttamente a ricevere “comande” e servire ai tavoli, è piuttosto sbrigativo ed incline ad elargire le sue conoscenze ed operatività, sui lieviti, tanto da enunciarne le peculiarità positive quasi ne fossero i figli.

Cantina.
Scarna la proposta e per lo più di produttori forse emergenti in un panorama così vasto, ma a me sconosciuti. Scelto una Barbera D’Alba Superiore 2002 “Cantina il GlicineE” (barbera più nebbiolo 10%) 16 €.

Antipasti.
Misto di carne, misto di pesce, terrina di carni bianche, composizione di polipo e spinaci novelli, “patanegra”, carpaccio di tonno rosso e bottarga; tra i 9 ed i 14 €.

Primi.
Zuppetta gratinata patate carciofi e crostone di parmigiano, risotto seppie e fiori di zucca, risotto vino rosso salsiccia e fonduta, tortelli al salmone e vellutata di mare, fettuccine pomodori melanzane e mozzarella di bufala, paccheri di Gragnano cacio e pepe; tra i 7 e 9 €.

Secondi.
Cotoletta alla milanese con patate gratinate, tagliata di manzo spinaci e patate al lardo, branzino al forno su crema di finocchio, tortino di merluzzo e crema di patate, trancio di tonno ai semi di papavero; tra i 14/16 €.

Dessert.
Torta casereccia alle mele, crema catalana brulèe, mousse di cioccolati e crema allo sherry, panettone quattro stagioni, colomba, di produzione propria; 4/6 €.

Richiesti.
Due antipasti di mare: ottima freschezza della materia prima e discreta operatività nella composizione del piatto.
Due antipasti di terra: decisamente più semplici con una nota per il “patanegra” e la torta salata.
Una terrina di carni bianche (per il sottoscritto): degno di nota l’accostamento con i datteri.
Un risotto seppie e fiori di zucca: a detta del commensale rimarchevole.
Un tortelli al salmone.
Quattro risotti rosso e fonduta; qui purtroppo alla mia richiesta di precisazioni prima del servizio sul tipo di rosso usato ho avuto la sgradita sorpresa che il titolare si è dovuto recare in cucina per poi riferirmi che trattatasi di Bonarda. Ritengo che chi ha la presunzioni di girare per i tavoli deve almeno conoscere cosa utilizzano in cucina; considerazione sul piatto anonimo.

Una créme brulèe.
Una mousse di cioccolati.
Sei assaggi vari di dolci da forno prodotti in casa; probabilmente la massima rappresentazione della cucina del locale.
Notevoli il pane e la focaccia proposti al tavolo (anche se poi il servizio prende 3 euro).

Prezzo complessivo richiesto 168 €. In sei persone, considerato il coperto 18 €. Il vino 32 €. Il costo richiesto per quanto approntato in tavola dalla cucina risulta più che giustificato.

Considerazioni.
Una precisazione sta nel fatto che avendo ormai quasi raggiunto l’età della pensione di sera anche se in compagnia non è concesso eccedere a tavola e pertanto non si và oltre le due portate, e questo chiaramente penalizza le analisi del locale. Comunque penso che il rapporto prezzo qualità abbia un riscontro in un valore (medio in centesimi 67).

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.