La cura per i particolari

Recensione di del 17/08/2018

Folk & Fe

95 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 95 €

Recensione

Questa sera ceniamo in un locale dalle caratteristiche completamente diverse da quello sperimentato ieri.

Si trova a pochi passi di distanza dal precedente, proprio all'imbocco del vecchio ponte della città, con le finestre che si affacciano sul fiume. L’aspetto è quello del bistrò elegante, con tavoli ampi e comodi, ben distanziati, approntati con semplicità ma eleganti. Il menù è essenziale, riassunto su una lavagna: la descrizione dei piatti, solo in norvegese, mette in difficoltà.

Ci soccorre il proprietario che ovviamente, come tutti qui del resto, si esprime in un buon inglese. Tra l’altro, scoprendoci italiani, ci dice di avere il cuoco italiano e ce lo manda al tavolo. Viene, infatti, e nonostante l’aspetto vichingo, con barba e capelli rossi, ci saluta con un marcato accento torinese: non solo italiano, ma proprio conterraneo! Ci descrive brevemente i piatti, raccoglie le nostre ordinazioni e torna in cucina, che è completamente a vista, bellissima e lucente di acciaio.

Per il vino torna il proprietario, al quale chiediamo una bottiglia di Sancerre bianco della cantina Henri Bourgeois, un ottimo sauvignon della Loira, speziato e minerale.

Mangiamo pesce, ovviamente. Per antipasto prendiamo dei filettini di trota, serviti con una leggera marinatura su un letto di verdurine e germogli di soia. Un piatto fresco (non che la temperatura della sera norvegese lo richieda, ma comunque molto piacevole) e stuzzicante. Il piatto principale che segue è un trancio di nasello, cotto in forno al cartoccio a bassa temperatura. Il piatto risulta veramente ben eseguito: il pesce è gustoso e morbido – non sempre capita con il nasello – il mix di verdure che lo accompagnano combina il profumo del finocchio tagliato a julienne e delle erbe aromatiche con la dolcezza del sedano rapa e delle piccole patate novelle.

Terminiamo con due ottimi dessert: una cheesecake ed una mousse di cioccolato, servite con salsa di mirtilli e frutti rossi.

Un locale gestito con professionalità e garbo, che propone piatti eseguiti con materie prime tradizionali ma con qualche ricercatezza; ne usciamo completamente soddisfatti. Abbiamo pagato un conto di 1840 corone, circa 95 euro a testa, che è certamente tanto, ma la bottiglia di vino francese ha fatto la sua parte!

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.