La trattoria si trova in località Ponzone di Trive...

Recensione di del 12/10/2007

Locanda dei Tigli

24 € Prezzo
6 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 24 €

Recensione

La trattoria si trova in località Ponzone di Trivero e la si raggiunge facilmente percorrendo la statale che attraversa il paese, svoltando per frazione Molino. E' una bella casa indipendente con le facciate in mattoni e pietre a vista, immersa nel verde, con ampio parcheggio per i clienti e pergolato con dehors estivo. Sulla porta d'ingresso un'insegna verde riepiloga la vocazione del locale che è ristorante, pizzeria, enoteca e locanda.

Dalla sala di ingresso, occupata dal bancone-bar, si accede a piccole salette in stile rustico, con pavimenti tipo cotto e pareti color salmone.

La cameriera ci fa accomodare al tavolo prenotato telefonicamente poco prima per sei persone, in posizione purtroppo un pò sfavorevole proprio davanti alla porta della cucina. La mise en place è in stile rustico, adeguata al locale, ma curata, con tovaglie a quadretti, posateria semplice e bei calici per il vino.

Le quattro sale sono impreziosite con vecchie dispense restaurate e scaffali in legno dove sono esposte alcune bottiglie di vino. Si tratta dei soliti nomi importanti dell'enologia piemontese, e sono soltanto la punta dell'iceberg di una carta di tutto rispetto che conta circa 1000 etichette, sul cui frontespizio una simpatica esortazione recita: "Costruitevi una cantina ampia, spaziosa, ben aerata e rallegratela di tante belle bottiglie, queste ritte, quelle coricate, da considerare con occhio amico nelle sere di Primavera, Estate, Autunno, Inverno, sogghignando al pensiero di quell'uomo senza canti e senza suoni, senza donne e senza vino, che dovrebbe vivere una decina d'anni più di voi".

Le etichette sono suddivise per regione, la scelta è molto ampia e non solo per quanto riguarda i vini piemontesi. Là dove non siano desumibili dal nome del vino sono indicati i vitigni; i ricarichi mi sono parsi molto onesti. Scegliamo un vino biellese, il Mesolone di Barni, uvaggio di Nebbiolo, Croatina e Bonarda, annata 2000, che viene presentato al tavolo e aperto in sala sull'apposito gueridon.

Il menu
In sala è esposta una lavagnetta di ardesia che elenca i piatti del giorno. Nella carta c'è una discreta possibilità di scelta tra piatti a base di funghi nostrani, piatti tipici piemontesi oppure la pizza. Scegliamo tutti un antipasto di funghi e poi le scelte si differenzieranno.

Antipasto
Su piatti di vetro trasparente ci viene servita l'insalata di funghi porcini con scaglie di grana. I funghi sono abbastanza profumati e senz'altro freschi. Il grana non mi è parso dei migliori in termini d'intensità di profumo e di sapore e il condimento con olio d'oliva era piuttosto delicato. Un piatto semplice la cui forza risiedeva principalmente nella qualità dei funghi. Voto 7.

C'è chi prosegue con i funghi e chi con la pizza.

Visto che siamo in stagione e in zona vocata, io scelgo i funghi e, tra le quattro o cinque proposte, opto per il misto di funghi porcini trifolati e impanati, anch'essi presentati su un piatto di vetro trasparente. Qui il mio giudizio si differenzia molto tra le due preparazioni: quelli trifolati erano profumati e appetitosi, mentre quelli impanati sono stati una vera delusione. L'impanatura era dura, la frittura pesante e all'interno avrebbe potuto esserci qualunque cosa perché il fungo non si percepiva granchè, anzi si sentiva prevalentemente il sapore di fritto.
Facendo una media il voto non va oltre il 6.

Dessert
Torta di pesche e cioccolato. Una fetta scurissima di torta sottile con una spolverata di zucchero a velo in cui era preponderante il sapore del cioccolato, mentre le pesche erano quasi impercettibili. Niente di particolare, voto 6.

L'esperienza non mi ha entusiasmata, ma considerato il buon rapporto qualità prezzo, se mi trovassi lì di passaggio sarei propensa a dargli una seconda chance, puntando su altri tipologie di piatti e perdendomi di nuovo nella vasta carta dei vini.

Il conto: coperti non addebitati; una bottiglia di vino 19 euro; due bottiglie di acqua minerale 5 euro; una birra 2,50 euro; sei antipasti 44 euro; un primo 8 euro; tre secondi 40 euro; un contorno 3 euro; cinque dessert 17,50 euro; tre caffè 3 euro.
Totale 142 euro per sei persone.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.