Questo ristorante si trova nel bel mezzo della "cr...

Recensione di del 24/07/2009

Al Cacimperio

45 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Negativo
Prezzo per persona bevande incluse: 45 €

Recensione

Questo ristorante si trova nel bel mezzo della "crocetta" (il quartiere chich di Torino) abbastanza lontano dalla confusione del centro e delle zone attualmente più trendy. Il locale è dotato di un piccolo dehor che si affaccia sulla via ma è sicuramente più piacevole sedersi all'interno del locale che è dotato di aria condizionata. Qui i tavoli sono disposti in un ambiente nel quale sono state posizionate sapientemente delle casse di vino pregiato (ovviamente vuote) che delimitano gli spazi. Nel complesso l'ambiente risulta comunque elegante e, allo stesso tempo, con un certo fascino da osteria.
Quando ci si siede il cameriere porta in tavola (come spuntino iniziale) alcune fette di pane abbrustolito con una ciotolina di pomodoro a pezzetti; nelle intenzioni l'idea è quella di una bruschetta, ma nel risultato finale è pomodoro a pezzetti leggermente condito.
La specialità della casa, anche se sono presenti altri piatti anche di pesce, è la carne che viene offerta in diversi tagli (in alto alla lista capeggia la "mattonella di cobe" seguita da tagliata di toro, angus, antilope (!?) ecc. ecc.). La carta viene data alle signore senza i prezzi, mentre quella dei signori, che invece li espone, fa capire che non sarà una serata molto economica.

Essendo un gruppetto di amici decidiamo di fare un assaggio di tre tipi di carne serviti sulla pietra ollare che mantiene caldo il pezzo di carne intanto che si mangia.

Ci vengono quindi portati dei piatti che contengono una decina di pezzetti di patata al forno (il contorno) e disposte al centro tavolo tre costate (vitello e due tipi di angus) da dividere in quattro persone.
La carta dei vini è molto ampia ed include produttori di nicchia e grandi vini pluripremiati (la carta ha una serie di bottiglie da centinaia di euro l'una); la nostra scelta cade su uno dei meno cari, un rosso di Montalcino che viene proposto a 25 euro a bottiglia.

Il carrello dei dolci prevede pesche ripiene, torta di pere con cioccolato ed alcuni altri dolci rigorosamente freschissimi, fatti in casa e molto buoni.
La serata si conclude con un caffè, un limoncello e... il conto.
Per un piatto di carne (ogni commensale ha mangiato l'equivalente di una bistecca di medie dimensioni) con patate al forno, vino (una bottiglia in tre persone) il dolce ed il caffè abbiamo pagato 45 euro a persona (pagando poi con carta di credito il conto complessivo, inspiegabilmente, si alza di alcuni Euro).
Nel complesso il locale offre una buona qualità dei prodotti e dei vini; tuttavia i prezzi applicati andrebbero sicuramente rivisti.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.