Ritorniamo in un locale gia provato e apprezzato e...

Recensione di del 09/07/2007

Arco dei Cappuccini

41 € Prezzo
9 Cucina
6 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 41 €

Recensione

Ritorniamo in un locale gia provato e apprezzato e ritroviamo la conferma delle visite precedenti. Il locale non si presenta bene: si può cenare all'aperto nel minuscolo cortiletto, vicino alla porta Messina di Taormina, arredato con una siepe che separa dalla
strada; una decina di tavoli, quasi tutti possono accogliere giusto una coppia (tre persone starebbero strette) e uno solo in grado di far sedere cinque/sei persone. Esiste anche un interno ma non l'abbiamo mai provato. Si mangia su due turni (20:30 e 22:00 come esplicitato in fase di prenotazione) ma non cacciano chi, dopo aver finito, si attarda a godersi il fresco (siamo stati testimoni di una coppia di stranieri che, avendo voluto prenotare per le 21:30, contrariamente alle indicazioni che il personale da in fase di prenotazione, alle 22:00 se ne andavano irritati perché non avevano ancora il loro tavolo, con il personale che spiegava loro che non poteva cacciare chi era ancora seduto anche se aveva terminato di cenare, ma non andava oltre nel tentativo di trattenerli).

La cucina è all'insegna della semplicità, come recita il loro motto all'inizio del menu, senza però scadere nel semplicismo. I piatti sono "siciliani" ma non turistici e comunque c'è sempre la ricerca di combinazioni nuove, la stessa semplicità è ricercata e funzionale all'esaltazione delle materie prime usate e dei loro sapori, in primis il pesce.

Ultima annotazione: il personale. Non credo sia facile trovare del personale simpatico, competente ed efficiente; non so se amano questo lavoro, se così non è non lo danno sicuramente a vedere. Insomma non è il solito personale che si trascina stancamente da un tavolo all'altro e infine alla cucina, in attesa della sola mancia e che finisca la serata per andare a casa. Non voglio far credere che si tratti di missionari votati a questo lavoro, ma sicuramente contribuiscono a far star meglio chi cena in questo locale.

Veniamo alla cucina. Il menu è semplice, pochi piatti alcuni tradizionali, altri meno. C'è sempre comunque qualcosa fuori lista, in funzione del pescato del giorno e di come decidono di assemblarlo in cucina e solitamente sono delle piacevoli sorprese.

In fase di consultazione menu ci vengono servite delle bruschette al pomodoro fresco e basilico. Ordiniamo un antipasto, carpaccio di palamito con tartare di tonno e un spaghetti al nero di seppia, entrambi ottimi, poi passiamo ai secondi: gamberi alla griglia e un sarago, sempre alla griglia (particolare, volendo è possibile pulirsi da soli il pesce), anche questi ottimi e freschissimi. Non troviamo i calamari all'aceto, uno dei piatti particolari non in lista, ma quanto provato ci soddisfa. Il tutto è accompagnato da una bottiglia di Angimbè 2006 con ricarico onesto.

Il conto finale è di 83 Euro in due, inclusi acqua e due caffè, ci sembra la conferma di un ottimo rapporto qualità/prezzo che caratterizza questo posto.


Per la cronaca ritorniamo la settimana successiva per concludere senza sorprese la nostra permanenza a Taormina. Questa volta non viene offerto alcun appetizer, la nostra ordinazione consiste di due antipasti crudi, scampi e carpaccio di tonno (entrambi a 11 Euro), due primi piatti, spaghetti vongole, (9 Euro) e spaghetti con uova di spada fresco (11 Euro), un’acqua, due caffè, una bottiglia di Jalè Cusumano (24 Euro).

Per noi è un'ulteriore conferma del nostro giudizio. Gli antipasti crudi sono ottimi, una piccola nota negativa: il carpaccio di tonno non viene affettato al coltello ma con affettatrice, a parte la poca gradevolezza estetica del piatto (fette perfette da sembrare finte), sembra che questo comporti tenere il tonno in freezer (non a livello congelamento) in modo da poterlo lavorare più facilmente. Significa però anche dover lasciare "scaldare" il piatto prima di servirlo, per evitare al cliente l'effetto ghiacciolo al tonno. Nel nostro caso il piatto ci è stato portato troppo presto e, dopo il primo boccone, abbiamo dovuto attendere con il piatto in tavola prima di poterlo gustare interamente.

I primi si confermano all'altezza delle visite precedenti: gli spaghetti alle vongole hanno la giusta dose di ingredienti, anzi di profumi (aglio e prezzemolo si "sentono" senza che il piatto sia eccessivamente "caricato" degli stessi come solitamente si vede, una piccola aggiunta di pomodoro conferisce poi al piatto un leggero tocco di colore (e sapore) che evita all'insieme l'usuale aspetto bianco e anemico di quando si usa solo aglio e prezzemolo). Gli spaghetti con uova fresche di spada poi sono la piacevole sorpresa di cui si parlava all'inizio. Piatto non in menu, costruito sulla base di quanto disponibile e per noi ha costituito una prima volta: mai assaggiati prima d'ora, si sono rivelati ottimi; sapori ancora diversi da quelli di una pasta ai ricci o di una pasta allo spada.
Questa volta il conto finale è di 79 Euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.