Recensione di del 18/11/2017

Osteria 1808

40 € Prezzo
6 Cucina
6 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 40 €

Recensione

Riunione tra amici in quel di Arma di Taggia. Cena all'Osteria 1808. Il locale è stato proposto da un componente della combriccola, ma era da tempo che avevo in mente di provarlo.

Il ristorante si trova all'interno della piazzetta dalla quale parte la via pedonale e che si affaccia sulla passeggiata a mare. La zona è molto carina grazie anche ad una completamente riqualificazione avvenuta poco tempo fa. La struttura dispone di un dehor direttamente sulla piazzetta ed all'interno conta pochissimi tavoli. Lo spazio a disposizione è, forse, un pò troppo sovraccaricato.

Noi siamo in nove, tre famiglie con la medesima composizione, due adulti più pargola. Ci accomodiamo.

Si presenta al nostro tavolo il titolare che ci illustra il menù aggiungendo alcuni piatti del giorno. Innanzitutto le tre bimbe. Per loro un paio di Ravioli al ragù ed un Tagliolino con gamberi e carciofi. I piatti sono, nel complesso, convincenti, le porzioni abbondanti e, non meno importante, arrivano nei tempi corretti.

Prima delle nostre ordinazioni, diamo un'occhiata alla carta dei vini. Ci facciamo consigliare dal titolare e decidiamo per un Bruciato della tenuta Guado al Tasso Bolgheri DOC dei Marchesi Antinori. Un ottimo rosso del 2015. Consiglio azzeccatissimo. Alcune signore preferiscono, invece, pasteggiare con un paio di calici di bollicine. A chiudere alcune bottiglie di acqua ed un cestino del pane non troppo invitante.

Il menù ha una proposta decisamente limitata e ci informano che un paio di scelte, questa sera, non sono disponibili. Io apprezzo i menù "brevi", ma così si esagera.

L'intera tavolata parte (gioco forza) con un Fritto di acciughe. Ben fatto, buona la friggitura, ma forse la porzione lievemente scarsa.

A seguire ci vengono serviti due porzioni di Tagliolini con la bottarga, un Filetto alla griglia, un Filetto al pepe verde e tre porzioni di Pescato del giorno cotto al sale. Il tutto accompagnato da alcune porzioni di contorni che comprendono un'insalatina di carciofi e delle patate al forno. Giro di piatti che convince, ma non del tutto. Non particolarmente esaltanti i tagliolini ed i filetti, mentre è risultato veramente notevole il pescato cotto nel sale. Il filetto al pepe verde non è mai arrivato, al suo posto ci hanno servito un filetto all'aceto balsamico. Può capitare.

Col secondo giro di portate, ordiniamo anche la seconda bottiglia di Bruciato.

Chiudiamo la nostra serata con un giro di dolci. Due Sorbetti alla mela verde, una Millefoglie con crema pasticcera ed un Tortino caldo al cioccolato bianco. Dolci onesti.

Nessun caffè, ma non ci facciamo mancare gli ammazzacaffè, Sambuca e Mirto (gentilmente offerti). Chiediamo il conto. Il totale è pari a 280 euro. Non ho più il dettaglio, ma la spesa pro capite si aggira intorno a 40 euro circa. Questo estromettendo i pochi piatti della pargole che andrebbero solo a sporcare la media effettiva.

Diciamo che la spesa non è particolarmente eccessiva anche se, a mio parere, si potrebbe ancora migliorare su alcuni aspetti. Aspetti di tipo gestionale, vedi la gestione del menù e di tipo culinario, non tutti i piatti sono risultati convincenti. Vorrà dire che torneremo per un secondo assaggio.

Un saluto da Jerry a tutti i Mangioni!

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.