Primo week-end stagionale utile per dedicare ad un...

Recensione di del 21/02/2010

La Rucola

113 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
4 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 113 €

Recensione

Primo week-end stagionale utile per dedicare ad una gita fuori porta con gli amici e, per uscire dalla caligine della bassa padana, ci dirigiamo sul Lago di Garda, precisamente a Sirmione, località turistica molto caratteristica situata su una penisola tra la sponda bresciana e quella veronese.
Breve visita nei vicoli del borgo, aperitivo non indimenticabile in un bar adiacente al locale e provati da un pungente vento di tramontana, entriamo puntuali nel ristorante alle 13:00 dopo prenotazione del giorno prima. Ci accoglie una giovane ragazza, che dopo la conferma della prenotazione, i saluti di rito e l’affido dei cappotti, ci accompagna al tavolo riservatoci. Il locale è molto elegante, curato e riservato, in tutto una quarantina di coperti circa. Si divide in tre salette di cui in una interrata regna un solo tavolo da sei posti dove si scendono alcuni scalini per accomodarsi.

Con un aperitivo di champagne brut rosè non ben individuato e mentre rivolgiamo lo sguardo al menu, arrivano i primi entrée dello chef, mini arancini siciliani,crocchette di patate con internamente una crema di formaggio e un mini panino con semi di papavero ripieno di pesce, tutti ottimi e graditi.
Mentre sfogliamo la lista dei vini arriva appoggiato su di un bicchiere colmo di sale grosso, un guscio d’uovo ripieno di crema accompagnato da una mini brioche calda ed una polpetta di pesce ,gustosi e apprezzati.
Per il vino andiamo in Sicilia con uno chardonnay grand crue Tenuta Rapitalà, un vino giallo dorato, morbido, ampiamente fruttato e nel finale lungo e persistente di solito ,ma in questa occasione purtroppo risultava un po’ al limite del suo arco vitale, peccato.

Arriva l’antipasto prescelto e su di una lastra di marmo rettangolare, sottile e nera, nero assoluto a detta del geometra, una verticale di pesce crudo per tutti e tre, comprensiva di tartare di tonno, branzino, spada, orata, salmone, un gambero, uno scampo, una ostrica: tutto ottimo e fresco.
Aspettando il primo, scegliamo il vino, una bottiglia di Cervaro della Sala 2006 di Antinori. Questo all’inizio sembra avere solo una lieve imperfezione dal punto di vista visivo, non il solito colore giallo dorato ma ambrato,e pultroppo con il passar del tempo il prodotto rilevava un gusto sempre più alterato. Fatto rilevare il problema alla signora che ci seguiva, la bottiglia viene ritirata prontamente ma con qualche lamentìo dalla stanza adiacente consapevolmente e inopportunamente fatto filtrare. Da questo momento in poi si crea un clima pesante che pultroppo trascina un ottimo pranzo faticosamente fino alla fine.

Si prosegue con un secondo, e precisamente una catalana rivisitata coreograficamente ma non nei suoi ingredienti principali, decisamente buona.
Andiamo al dolce, ti-ra-mi-su,è questa la dicitura stampata sulla lista e da me selezionata. Nell’attesa giungono una serie di tentazioni che vado a riassumere: tagliere in marmo con quattro assaggi di crema e mousse, biscotto alla mandorla e tre tipi di lecca-lecca caramellati e gelatinosi di vari gusti.
Un bicchiere di passito di Pantelleria con il tiramisù scomposto nei suoi ingredienti, ottimo il vino e discreto il dolce. Con un buon caffè arriva il conto così suddiviso 5,00 € coperto, 105,00 € antipasti, 104,00 € secondi, 3,00 € acqua, 30,00 € vino, 36,00 € passito, 40,00 € dessert e 6,00 € due caffè. Totale 339,00 €.
Dal punto di vista della cucina il pranzo è stato sicuramente all’altezza ma purtroppo non posso altrettanto elogiare la cantina, peccato, vedremo di concedere un'altra chance al locale per poter cambiare parere. Mi spiace non essere in linea con le altre recensioni, ripeto, può capitare una giornata no, ma in un locale di livello certe cadute di stile non possono passare inosservate.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.