Approfittiamo della fiera annuale "Dei Coj" a Sett...

Recensione di del 16/11/2008

Pane e Cipolla

30 € Prezzo
9 Cucina
6 Ambiente
4 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 30 €

Recensione

Approfittiamo della fiera annuale "Dei Coj" a Settimo Torinese per mangiare in questo piccolo ristorante sotto la torre medievale. Il locale dispone di una sola saletta, molto accogliente e pittoresca. Sarebbe un luogo molto romantico, adatto a cene a lume di candela, se non fosse per i tavoli inevitabilmente troppo vicini a causa dello spazio ristretto.
Al tavolo bicchieri da acqua e da vino, tovaglia di cotone a quadri, tutto intonato all'ambiente.

Il proprietario ci accoglie elencandoci a memoria tutti i cibi proposti dal ristorante. Personalmente ho trovato pesante questa cosa, in quanto oltre al nome del piatto c'era una lunga e arzigogolata descrizione degli ingredienti. Alla fine di tutto il rischio è di non ricordare ciò che è possibile mangiare, dilungandosi in ripetizioni. In più l'assenza del menù non dà la possibilità di conoscere i prezzi dei vari piatti, cosa non molto corretta a mio parere, visto che il ristorante non è proprio economico.
Preciso subito che la filosofia è quella della nouvelle cuisine, che tanto bella appare agli occhi ma sazia ben poco!

Saltiamo gli antipasti e partiamo subito con i primi, che il proprietario ci informa essere, insieme ai dolci, la specialità della casa. In particolare ci suggerisce degli spaghetti alla chitarra, cucinati con salciccia fresca, pomodorini, rucola e castelmagno. La pasta è fresca e davvero molto buona: peccato che con due abbondanti forchettate sia terminata.
Passiamo ai secondi avendo più fame di prima. Prendiamo una tagliata di manzo argentina (non molto spessa, per la verità) con rucola e castelmagno. Discreta, certo non indimenticabile.
L'altro secondo era baccalà in umido con patate. Quando mi è stato presentato ho pensato ad uno scherzo: il contenuto era davvero irrilevante, in una ciotolina da Barbie! Per carità, anche questo molto buono, ma insufficiente anche per un bambino.
I dolci: un tirsamisù servito al bicchiere - buono - e un tortino di mele con zabaglione caldo, squisito.

Peccato essere andati via un po' indispettiti, perchè la cucina sarebbe davvero ottima se solo le quantità fossero adeguate. Per sfamarci abbiamo dovuto mangiare due panieri di pane e grissini, e vi assicuro che non sono un senza fondo...
Da bere solo acqua naturale. Riassumendo: due primi, due secondi, due dolci e acqua: 58 euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.