Non posso che unirmi al coro di consensi per il ri...

Recensione di del 25/10/2007

El Pescador

60 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 60 €

Recensione

Non posso che unirmi al coro di consensi per il ristorante EL Pescador, davvero uno dei migliori della zona.
Non potrebbe essere altrimenti.

Già una 40ina di anni fa iniziava la sua scalata gastronomica, inizialmente nel locale sulla passeggiata a mare, dalla parte opposta di dove si trova ora, splendido con l'enorme vetrata e il grande acquario, che noi bambini guardavamo ad occhi spalancati.

Nasce come "Carmagnini", dal nome del proprietario diventa El Pescador, quando si trasferisce sulla strada del porto.
Se lo si guarda da lontano, la sua forma ricorda quella di una bianca imbarcazione, fateci caso.
Il locale, elegante, curato, con splendida vista, viene gestito con professionalità, e da sempre, dai proprietari, Carlo, Mariella e il nipote Franco.
In sala il maître che credo sia nato nelle cucine...io lo ricordo da sempre.

Dissento totalmente dal giudizio negativo dato, ma, posso immaginare che in alta stagione alcuni spiacevoli disguidi possano capitare.
Certo, non dovrebbe succedere, penso che in ogni caso si dovrebbe privilegiare la qualità alla quantità, e magari rifiutare le prenotazioni di troppo per evitare doppi turni.
Ma...quasi in tutti i locali è così.
La soluzione? E v i t a r l i durante l'estate e i week end primaverili o con "ponti".

Capisco se una persona è in ferie proprio in quel periodo e non può fare altrimenti ma, se ci si va apposta, magari scappando dalle città, meglio, molto meglio farlo a ottobre, novembre, in primavera...possibilmente di giovedi-venerdi (d'inverno è aperto solo dal giovedi alla domenica) e assaporare, inoltre, il meraviglioso silenzio delle baie incantate.

Rientrando in argomento, il menu comprende varie portate a base di pesce e una discreta scelta di carne alla brace, curata personalmente dal proprietario.
Ecco i piatti ordinati a pranzo di un sonnecchioso giovedi autunnale.

Antipasti: freschissimi scampi, tiepidi e con un sughetto a base di olio nostrano aglio e prezzemolo, delicatissimo; morbido salmone affumicato di una bontà indescrivibile, servito con triangoli di pane tostato e riccioli di burro.

Primi: tagliarini al novellame, novellini piccoli e teneri, e spaghetti alla brezza marina, frutti di mare di ogni genere comprese le cicale.

Come secondo uno splendido filetto alla brace con funghi e patate, da dividere in due per arrivare sani al dolce, cotto alla perfezione e saporito al punto giusto.

Dolce un morbido semifreddo all'amaretto (una sorta di tiramisù, ma molto più delicato): in tanti anni credo di non aver mai assaggiato nessun'altro dolce da tanto che trovo buono questo.

Prosecco della casa "scaraffato", acqua, caffè con piccola pasticceria, conto sui 60 euro a persona.
Che dire, una scelta che non delude mai.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.