Sette persone; ore 21.00.
Cucina 7; S...

Recensione di del 28/02/2006

La Maison

69 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 69 €

Recensione

Sette persone; ore 21.00.
Cucina 7; Servizio 7,5; Ambiente 7,5.

Conto: sette antipasti, 144 euro; sei primi, 87 euro; sei secondi, 118 euro; tre dessert, 21 euro; una bottiglia di Gewürztraminer, 33 euro; una bottiglia di Vintage Tunina 2003, 48 euro; quattro bottiglie di acqua, 10 euro; cinque caffè, 10 euro; tre sherry Napoleon, 15 euro. Per un totale di 486 euro, scontati a 470.

Decidiamo di organizzare una cena tra mangioni, dopo aver vagliato diverse alternative la scelta ricade su La Maison di Senago ristorante plurirecensito e ben considerato da diversi mangioni.
Giungo per primo al ristorante in compagnia di mia moglie. Veniamo accolti dal personale di sala ed accompagnati al tavolo a noi riservato; nella breve attesa che giunga il resto della compagnaia, mi viene servito un prosecco, discreto e nulla più, di cui non ricordo il nome, poco male.

Il ristorante è organizzato su due livelli: per l’occasione ceneremo al piano superiore. La sala è luminosa e ben arredata; i tavoli sono ben distanziati ed apparecchiati con cura. Non mi soffermo sugli arredi del locale vista la minuziosa descrizione fatta da altri autorevoli recensori.
Passiamo ora a parlare della cena. Mi scuso per eventuali imprecisioni: trattandosi di un’allegra compagnia sicuramente mi sarà sfuggito qualche particolare.

Per cominciare, nell’attesa che giungano le portate prescelte, ci viene servito un pre-antipasto alici fritte con patata accompagnato dal prosecco di benvenuto: buone.

Nella descrizione dei piatti parlerò solo di quanto da me gustato o rubacchiato da piatti altrui.

Antipasto.
La crudità di mare.
Composto da carpacci di: spada, salmone, tonno, ricciola, ventresca ed un gamberone crudo centrale. Piatto discretamente vario, non particolarmente gustoso, anche l’olio ligure di Imperia, presentato per condire il piatto, non mi ha convinto. Piatto complessivamente discreto e nulla più.

Lo stesso piatto con variazioni personalizzate sarà consumato da gran parte dei partecipanti.

Primo piatto.
Spaghetti di farro con zafferano di Navelli, purea di fagioli e bottarga di tonno di Favignana.
Adeguata la porzione, interessante l’accostamento di sapori presentato dal piatto anche se un po’ troppo dolciastro; forse necessitava di una maggiore quantità di bottarga. Alcuni mangioni più avveduti di me hanno richiesto un'aggiunta. Comunque buono.

Secondo piatto.
Per me Pesce spada grigliato al punto rosa con finocchi brasati e falafel di ceci al profumo di vaniglia.
Buono il pesce spada, giusto grado di cottura, non come spesso accade secco e stopposo. Troppo spessa ed unta la crosticina dei falafel. Complessivamente discreto.

Per mia moglie su consiglio dello staff del ristorante Trancio di dentice arrosto con la pizza di scarola.
Su invito di mia moglie, non soddisfatta, assaggio il piatto. Anch’io convengo sulla non riuscita del piatto: non mi convince la pizza di scarola ma soprattutto il sapore del dentice.

Per la scelta dei vini ci affidiamo alla competenza di Fabio che sceglierà di cominciare con un Gewürztraminer a 33 euro di cui ahimè non ricordo il nome. Con i primi ed i secondi proseguiremo con un Vintage Tunina Jermann a 48,00 €. Personalmente ho gradito di più il secondo, ma questo dipende dai miei gusti.

In conclusione mi riservo di visitare nuovamente il ristorante magari per una cena a due. Allo stato attuale non condivido affatto le lusinghiere recensioni lette.
Probabilmente sono inacappato in una serata storta.

FP.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.