Incuriositi dal nome particolare del locale e da u...

Recensione di del 06/12/2005

Hostaria del Riso

23 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 23 €

Recensione

Incuriositi dal nome particolare del locale e da una spiccata voglia di risotto, decidiamo di visitare questo ristorante in quel di Saronno.

Chiamo nel pomeriggio per prenotare un tavolo, mi risponde la segreteria e anche se di solito preferisco richiamare io decido di lasciare nome e numero di telefono, nell’arco di un’oretta vengo richiamata e la mia prenotazione accettata. Dalla simpatia e dalla cordialità della chiamata sono già ben disposta alla serata.

La strada per arrivare, per quanto ci riguarda, non è stata delle più scontate, essendo il locale situato in una viuzza molto vicino al centro di Saronno, chiuso al traffico delle auto, abbiamo dovuto fare vari giri per arrivare alla nostra meta, comunque, una volta arrivati non abbiamo difficoltà a trovare parcheggio poco vicino.

Il ristorante all’esterno appare molto caldo e invitante, la stessa sensazione si mantiene una volta entrati, resa più spiccata però dalla gentilezza e dalla cortesia del ragazzo che ci accoglie.
La distribuzione dell’ambiente è su più livelli, la prima saletta si trova a piano terra dove è situata anche la cucina e la cassa, mentre la seconda sala si trova su un soppalco molto grazioso. Il locale, data la serata infrasettimanale e la partita, è vuoto, questo rende la nostra permanenza ancora più intima e gradevole, i due proprietari infatti ci viziano e ci seguono scrupolosamente per tutta la serata (dalla passione dimostrata però posso scommettere che la stessa solerzia e cura è manifestata anche nelle serate di pienone). Ci vengono spiegate le varie tipologie di riso e impariamo cose nuove, per esempio che oltre al riso bianco e al riso nero esiste il rosso, il verde, un particolare riso canadese e che qui in Italia è presente in coltura solo una piccola porzione dei risi coltivabili, oppure che la cottura del riso nero avviene praticamente esclusivamente attraverso una bollitura di 45 minuti e solo successivamente viene scottato in padella con il resto degli ingredienti.

Tralasciando queste divagazioni, che reputo comunque importanti per dare l’idea del locale, sfogliando il menu ci siamo resi conto che la cucina cerca di essere creativa e innovativa seppur mantenendo una media dei prezzi contenuti.

Una volta scelte le nostre portate ci viene detto che nonostante ci sia scritto sul menu che il riso è consigliato come minimo per due commensali, volendo possiamo prendere due assaggi di riso diversi in modo da avere la possibilità di provare più sapori. Quindi decidiamo, come antipasto un misto di cinque assaggi, un pezzettino di erbazzone, del radicchio caramellato con scaglie di grana sopra e altri assaggini che non ricordo.
Tra i risotti scegliamo un riso venere con seppioline e cavoletti di Bruxelles, e un riso Carnaroli con gorgonzola e mele. Il primo aveva un odore prima di tutto davvero unico ed eccezionale, con questo preludio olfattivo ci saremmo aspettati davvero un trionfo al palato, purtroppo, nonostante fosse molto buono le nostre aspettative olfattive non sono state ripagate a pieno. Il secondo tipo di risotto, più classico, è risultato buono e ottima la scelta dell’accostamento con le mele. Come dolce infine abbiamo preso un budino di yogurt con frutti di bosco, buono e leggero. Per concludere una grappa accompagnata da un assaggio di cioccolato fondente Lindt.

Parlando della cantina si può trovare una buona scelta tra varie etichette a prezzi ragionevoli.

Al momento di pagare il conto ci viene detto che volendo lasciare la nostra mail, vi è la possibilità di essere inseriti nella loro mailing list attraverso la quale si ricevono le notifiche dei cambiamenti mensili del menu e dell’organizzazione di serate a tema. Ovviamente lasciamo il nostro biglietto da visita de “ilmangione.it”.

Per la nostra cena abbiamo pagato 46 euro, di cui 10 di vino, 12 di antipasto, 16 per i due risotti, 4 per il dolce, 2 euro di grappa e 2 euro di coperti.

Tutta la serata trascorre in modo molto positivo, grazie alla buona cucina, all’ambiente invitante ma soprattutto alla cortesia e alla disponibilità dei due proprietari. Un posto scoperto per caso che a mio giudizio merita di essere conosciuto e provato anche da altri “mangioni”.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.