Il top di San Vito Lo Capo

Recensione di del 11/07/2013

Il Ficodindia

51 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 51 €

Recensione

Io, moglie e bimba di due anni siamo stati due settimane a San Vito ed in questo periodo abbiamo cenato al ristorante una buona decina di volte (piano piano vedo di recensire i ristoranti il cui ricordo è ancora sufficientemente vivido).
Purtroppo abbiamo scoperto la superba qualità del Ficodindia solo la penultima sera: vi dico solo che già dopo la prima portata io e mia moglie avevamo deciso di tornarci anche l'indomani, poi purtroppo cosa saltata a causa di lievi problemi di salute di nostra figlia.
Il ristorante si trova a un paio di chilometri sopra il centro del paese, quindi totalmente distaccato dalla bolgia e sollevato di qualche metro sul livello del mare, così da poter offrire un panorama stupendo dalla sua meravigliosa terrazza dove peraltro sono posti la maggior parte dei non moltissimi coperti.
Segnalo subito che, ovviamente previa telefonata, il ristorante ti viene a prendere e ti riporta a casa dopo cena direttamente all'alloggio, il tutto compreso nel prezzo (un taxi gratis a tutti gli effetti).
Posto meraviglioso, servizio impeccabile, ambiente tranquillo ed elegante.

Ma il vero punto di forza è la cucina: su una decina di ristoranti e altrettanti tra rosticcerie e locali più "easy", il Ficodindia è stato l'unico a riportarmi a quella qualità, classe, creatività, accuratezza e varietà tipiche della cucina siciliana più elevata, che ho avuto modo di conoscere nel corso degli anni in altre zone, quali il palermitano e il catanese (nel trapanese hanno un paio di marce in meno, a parer non solo mio).
Inutile dire che la specialità è il pesce: prima di chiedere la comanda il cameriere porta al tavolo un grande vassoio che mette in bella mostra il pescato del giorno, così da poter valutare coi propri occhi la possibilità di ordinare anche elementi fuori menù.

Noi abbiamo preferito rimanere fedeli alla carta.
Due antipasti, entrambi altamente spettacolari: tortino di melanzane con gamberi croccanti in fili di patate e gamberi in gomitolo di patate su caponatina siciliana.
Una porzione di ravioli di cernia con salsa di zafferano e pistacchi: un po' troppo delicata, quasi dolciastra, per i miei gusti; comunque (come diciamo a Milano "inscì avèghen!").
Due secondi di pesce: io zuppa di pesce (buona e abbondante, però è un piatto che mangiato al semi-buio non me lo sono goduto granchè), e mia moglie trancio di capone all’arancia e pinoli con cipolla croccante e patate al forno: quest'ultimo assolutamente magistrale.         
Un semifreddo alle mandorle con croccante e cioccolata calda, fatto in casa.
Una bottiglia di vino rosso da 0.50 cl non meglio specificato e un paio di calici di spumante per mia moglie.
Caffè per entrambi, limoncello solo per lei.

Se siete a San Vito non state a perdere troppo tempo alla ricerca del ristorante migliore, quello che vi ispira di più, ecc. Datemi retta e mi ringrazierete: prima cena fuori al Ficodindia, così avrete il tempo per poterci tornare, al contrario di noi che dovremo attendere il prossimo viaggio da quelle parti.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.