Cena di San Valentino. Decidiamo di provare questo...

Recensione di del 14/02/2011

Antica Posteria dei Sabbioni

63 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 63 €

Recensione

Cena di San Valentino. Decidiamo di provare questo ristorante che è vicino casa e offre anche un dopocena con musica dal vivo. Apprendiamo dal sito web che esiste un menu preconfezionato (portate e bevande) per la serata, con un prezzo particolare, che alla fine seguiremo, eccezion fatta per il vino.
Il ristorante occupa una cascina ben ristrutturata, in mezzo alla campagna pavese, e lo si nota da lontano nel buio. Parcheggiamo comodamente in uno spiazzo adiacente il ristorante, ed entriamo, un po' in anticipo. Subito veniamo accolti con molto calore da un cameriere, che mi chiede il cognome e ricorda subito la mia prenotazione. Mi fa scegliere, visto che è presto, il tavolo che preferiamo. Alla fine ci accomodiamo su un soppalco piuttosto intimo e tranquillo, circondato da nicchie con vecchie bottiglie di vino e mattoni rossi a vista.
Ci viene portato un prosecco nell'attesa degli antipasti, con olive e quadrettini di focaccia (buona e fresca). Il menu prevede un antipasto di mare e terra (capesante al Verduzzo Russiz e paprika dolce, gamberi rossi marinati al frutto della passione, culatello di collina con gnocco fritto). Nell'insieme la quantità è giusta per solleticare il nostro appetito e gli ingredienti buoni e freschi (ottimo il culatello, sopra tutto, ma freddo il gnocco. Peccato!). Decidiamo, nonostante nel menu a prezzo fisso di S. Valentino fossero incluse alcune etichette, di scegliere un vino speciale, vista la nostra passione "vinicola", e scopriamo una carta dei vini assai rispettabile (con un po' di ricarico, ma non eccessivo): ci facciamo convincere da un (fantastico) Lagrein Steinraffler del 2004 (cantina Hofstatter) che ci segue per tutta la cena come un buon compagno, per scomparire poco prima del dolce.
Seguono due assaggi di primi: risotto con bacon croccante e carciofi, e ravioli fumé con scampi e pesto di cerfoglio, buoni entrambi, meglio il risotto per l'abbinamento meno pretenzioso e più equilibrato. Quantità giuste e non eccessive.
Per tutta la cena ci viene "rabboccato" il cestino del pane che contiene panini alle patate e pan focaccia molto buoni e freschi.
Il secondo, lombata di vitello con pomodori, champignon, lattuga brasata e fondo di cottura, forse sulla carta sembrava meglio di quanto non fosse. Tuttavia un piatto saporito e ben presentato, anche se non eccessivamente originale.
Giunti al dolce, ci viene servito un moscato (stavolta lasciamo fare a loro) non eccezionale, ma discreto. Il dolce è invece squisito e scenografico (da festa degli innamorati): un cestino di meringa con mousse al cioccolato bianco e ventaglio di fragole. Soddisfatti, chiediamo due caffè e la carta dei liquori per il dopocena: a breve partirà la musica dal vivo. Scopriamo che la fama del locale è meritata e ci facciamo servire nel dehors, riscaldato da stufette, un Caol Ila 23 ed un Apleton 21 con acqua e ghiaccio a parte, mentre ascoltiamo la musica, piacevole accompagnamento alla chiusura della nostra serata. Il servizio è stato sempre attento e premuroso, senza essere invadente, vista la serata. Il conto: 40 euro a persona, oltre il vino, bottiglia da 40 euro che ci è stata alla fine scontata di 10 euro (praticamente l'abbiamo pagata quasi senza ricarico) ed i due bicchieri di liquore (8 euro l'uno). Direi un ottimo trattamento ed un buon giudizio generale.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.