Stuzzicati da una piacevole recensione fotografica...

Recensione di del 29/08/2007

La Femme

63 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 63 €

Recensione

Stuzzicati da una piacevole recensione fotografica pubblicata su un conosciuto blog, decidiamo di provare questo ristorante ubicato a Diano Marina, aperto nel 2004 e distinto da una cucina di mare con punte creative e moderne.
Telefoniamo nel tardo pomeriggio: il patron Roberto Rollino ci avvisa che rimane solo un tavolo disposto agli inizi della piccola sala ma, essendo la nostra ultima sera di vacanza, decidiamo di accettare la scelta, grati dell’esserne stati informati.
Si accede al locale entrando in una prima stanza, numerose le bottiglie di vino riposte in uno scaffale, volontariamente impolverate e non allineate, accoppiamento tra vintage e moderno decisamente caratteristico ed in tono con gli arredi espressionisti di cui si caratterizza l’ambiente.

Optiamo per un menu degustazione (50 €) comprensivo di entrée, due antipasti, primo, secondo, dessert (con abbinato vino) e coperto (pane nero alle olive, all’olio, focaccia, grissinoni); è disponibile anche un menu da 45 € analogo al precedente con un antipasto in meno, scelto dalla mia ragazza.
Ci consigliano un Vermentino Ligure (21 €), con uve autoctone di Diano Marina, che si rivelerà lungo il percorso un ottimo vino bianco, e dell’acqua frizzante San Bernardo (3 €).

Come entrée del barracuda in carpione con crema di piselli ed agrumi canditi: uno splendido inizio, piacevoli contrasti tra la brillante crema di piselli ed il barracuda, stuzzicanti gli agrumi riposti lateralmente. Arriva in seguito il mio primo antipasto, tartare di lampuga con melone ed agrumi: servita in un piatto a fondo circolare con striature concentriche sul bordo, uno stupendo crudo di pesce, ancora adesso mi chiedo come la mia lei abbia potuto rinunciarci. Segue mantecato di baccalà "alla onegliese" con baccalà croccante alle olive e pomodoro confit, un parallellepipedo di baccalà squisito, netto il sapore del pesce, per un crescendo di gusto.

Il primo è rappresentato da tagliolini di semola con ragù ai frutti di mare (fasolari, tartufi, vongole, muscoli, cannolicchi) e leggera salsa al basilico: una gustosa salsa, pasta ottima, leggermente ruvida e di produzione artigianale.

Come secondo, pescato rosticciato su crema di legumi e vegetali di stagione, se la memoria non mi inganna trattasi di filetto branzino; a fianco ad esso, un’incredibile sfoglia di melenzane ed altre verdure, che compensa un pesce leggermente indietro nella cottura.

Per il dolce ci viene presentata la carta dedita: per me una cialda croccante con gelato alla crema di latte e ciliegie al vino rosso e cioccolato; per la mia lei crostatina alla frutta su crema di latte e gelato al basilico. Che dire, una cialda friabile d’autore, con all’interno il gelato e delle ciliegie al vino rosso squisite. Stupendo il gelato al basilico, assolutamente da provare. In abbinamento, rispettivamente un calice di Marsala Rubino Pellegrino ed un calice di Caluso Passito Solé 1999 Orsolani.

Terminiamo con due caffè, della piccola pasticceria ed una bella chiacchierata con lo chef che volentieri ci illustra la sua linea gastronomica.

Un’esperienza indubbiamente positiva, una cucina in crescita ed evoluzione che con personalizzazione e rivisitazioni offre qualità ed innovazione. Servizio cordiale e accorto all’esigenze del cliente, in un ambiente dedicato al mondo femminile. Un unico dettaglio, le guide sullo scaffale a fianco al bancone, starebbero meglio impilate ed ordinate, parola di ingegnere… Un ristorante da provare per una cena raffinata ed intima.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.