Il Ristorante è di recente apertura, ha inaugurato...

Recensione di del 22/07/2008

La Rosa dei Venti

37 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 37 €

Recensione

Il Ristorante è di recente apertura, ha inaugurato il 21 giugno, e si trova proprio sul lungolago di Salò, quindi ha una splendida vista sul golfo.

La zona esterna è raccolta, con non più di una quarantina/cinquantina di coperti, non esiste una sala interna, ma il titolare ci ha detto che pensano di coprire la terrazza con una veranda per la stagione fredda.
I tavoli sono abbastanza vicini, con tovaglie in stoffa marroni scuro con coprimacchia e tovaglioli bianchi. Le sedie sono intrecciate color marrone scuro, dalla linea elegante.

Il menu non è vastissimo, ma offre proposte particolari e stuzzicanti.
Posate allungate, dalla linea moderna, calici per il vino e bicchieri per l’acqua completano la tavola.
Il cestino del pane presenta quattro tipi differenti di panini, tra cui uno squisito panino con grani di sale grosso.

Iniziamo con fiori di zucca ripieni di porcini e formaggella di monte. I fiori sono ripieni di crema di formaggio e porcini e avvolti in una tempura leggera e croccante. Al palato risultano assolutamente deliziosi: il formaggio è ben saporito e la panatura rende il tutto ancora più sfizioso.

Io passo direttamente al secondo: filetto di manzo ai tre pepi con contorno di verdure. Il filetto è ottimo, di carne argentina, correttamente al sangue e gustoso. Come contorno verdure grigliate molto gustose.

Il mio ragazzo ordina invece un primo piatto: risotto alle verdure con trota salmonata. La porzione è stata preparata anche se è stata ordinata da una persona sola, la maggior parte dei ristoranti vincola la preparazione dei piatti di riso all’ordine minimo di due persone.
La porzione è abbondante e ben preparata, i sapori sono armoniosi e il riso è ben mantecato.

Per finire in dolcezza ordiniamo una mousse di mango con coulisse di lamponi e il dolce del giorno: tris di cioccolati.
La mousse è delicata e decorata con sciroppo al lampone, ben presentata su un ampio piatto.
Il tris di cioccolati è una vera bontà: strati alternati di cioccolato al latte, fondente e bianco su una base di frutti di bosco decorati con un “diesis” di zucchero sciolto con acqua e poi fatto solidificare, molto originale e particolare.

Durante la cena abbiamo bevuto una bottiglia di naturale e degustato una bottiglia di Lugana Ottella cantine Le Creete del 2007, dal gusto piacevole, fresco e leggermente fruttato.

Le proposte offerte dalla cucina non sono scontate, ma soprattutto sono ben preparate e con ingredienti di prima qualità. Questo è un aspetto al quale il titolare tiene particolarmente.
Il servizio è curato e attento, anche se in alcuni passaggi un po’ troppo frettoloso, probabilmente perché questa sera è stato curato dal solo titolare, mentre un secondo cameriere è arrivato più tardi.
Ristorante sicuramente qualitativamente superiori ai soliti locali turistici che spesso si trovano nelle località di villeggiatura, assolutamente da provare (anche solo per i fiori di zucca ripieni!).

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.