Dopo vari viaggi di lavoro a Roma riesco finalment...

Recensione di del 21/09/2005

Sora Lella

75 € Prezzo
6 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 75 €

Recensione

Dopo vari viaggi di lavoro a Roma riesco finalmente a prenotare per la sera da “Sora Lella”, locale abbastanza nominato per la sua cucina tipica romana.
Io e i miei 2 amici arriviamo puntuali dopo una splendida passeggiata sul lungotevere che ci ha condotto sull’isola Tiberina dove è allocato il ristorante.

All’ingresso ci accoglie un gentilissimo cameriere che ci fa accomodare al nostro tavolo in una piccola ma graziosa sala occupata per la maggior parte da turisti stranieri e decorata con foto e quadri che ricordano l’illustre personaggio di cui porta il nome.

Decidiamo di partire con un classico della cucina locale: la "pasta e fagioli" che si rivela veramente gustosa, anche a detta dei miei commensali che sono di origine romana.
Come primo scegliamo un bis composto da:
- tonnarelli alla cuccagna (salsiccia,pancetta e noci);
- gnocchi di patate all’amatriciana.
Ambedue i piatti si rivelano all’altezza del locale, gustosi e legati alla tradizione in modo perfetto.

Purtroppo dal secondo comincia qualche nota dolente.
Infatti optiamo per il maialino in agrodolce e, dietro consiglio di un mio commensale, chiediamo anche un piatto da dividere di "coda alla vaccinara" per poterla assaggiare.
Con nostro stupore ci arrivano 3 portate complete del suddetto piatto che si rivela però scialbo.
Chiediamo allora al cameriere il perché di questo poco sapore e lui giustifica il fatto confermando che la parte della coda viene molto sgrassata rispetto alla ricetta originale per "non mandare a casa i clienti stranieri appesantiti"!
Senza nessuna pausa di riflessione arriva il maialino in agrodolce (più dolce che agro) che merita appena la sufficienza.
Decidiamo di prendere come dolce una torta di ricotta buona, ma niente di speciale.

Un appunto lo merita la carta dei vini/liquori.
Noi abbiamo optato per un Cesanese del Piano 2000 di Perinelli (18 €), buon vino locale con corpo gradevole, adattatosi perfettamente alla nostra cena.
La nota dolente sono i rincari e la disponibilità delle altre bottiglie e dei distillati.
Infatti, dopo aver chiesto 2 Nonino Ribolla e 1 Nonino Fragolino (10€) il cameriere ci dice che della stessa casa ha disponibile solo quella di Schioppettino (10 €) in quanto le altre non le avevano riordinate.
Tutto questo per un totale di 235 €, un po’elevato per il tenore dei cibi, ma, forse, anche la storia del locale ha un suo prezzo.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.