Con l’arrivo dei primi freddi, se vogliamo mangiar...

Recensione di del 18/10/2008

Charly's Saucière

55 € Prezzo
8 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 55 €

Recensione

Con l’arrivo dei primi freddi, se vogliamo mangiare qualcosa di differente dal solito e non abbiamo voglia di tentare avventure in giro per la città, io e il mio compagno ci facciamo volentieri una passeggiatina da casa, diretti verso via di S.Giovanni in Laterano. Qui, alle spalle dalla piazza e quasi alle spalle dell’Ospedale, apre le sue discrete vetrine Charly’s Sauciére: l’unico ristorante franco-svizzero in città.

Una volta entrati l’ambiente si articola su due sale di media capienza, curate, ma con un’eleganza come congelata a quarant’anni fa.
Tavoli (un po’ troppo accostati, purtroppo) dai tovagliati chiari, ben apparecchiati con porcellane bianche, tavolo di servizio vicino, comode sedute, molte bottiglie e casse di vino e alle pareti bianche gradevoli quadri. Bizzarro pavimento d’epoca, di ceramica rossa fiammata che grida “1967” o giù di lì, da ogni mattonella.
Una nota da tutte le mie visite: fa caldissimo. Inoltre si sfoglia il menu, mentre si spalma sulle fettine di pane il burro lasciato in tavola come appetizer, cosa che certo non abbassa la temperatura corporea…Vestitevi di conseguenza…

Il menu offre una buona scelta, così come la carta dei vini è ampia e con una bella sezione di etichette estere. Noi abbiamo sempre preso un Gewurtztraminer alsaziano 2006 di cui non ricordo il nome ma ottimo, decisamente più fruttato di molti italiani, dall’ottimo q/p di 26 euro.
In apertura per me un soufflé di formaggio eseguito benissimo, come cottura e consistenza, servito in una rovente pirofilina di ceramica, pur se forse un po’ più delicato come sapore di come me lo sarei aspettato.
Per il mio compagno, mezza dozzina di escargot alla Bourgouignonne che ha estratto dai grossi gusci grondanti burro sotto i miei occhi vagamente inorriditi. Sotto minaccia ne ho assaggiata una e sebbene sia sopravvissuta per raccontarlo, e sebbene mi si assicuri che erano ben fatte, dubito che esisterà una mia seconda volta. Ma, appunto, sono gusti personali.
Altre volte ho invece assaggiato la loro zuppa di cipolle e devo ammettere con decisamente maggiore soddisfazione. Perfetta, con una gratinatura di formaggio golosissima.

Per proseguire abbiamo ordinato una fonduta alla Bouguignonne (solo per due persone), scenograficamente servita: vengono portati il fornelletto con il recipiente dell’olio, due piatti con i dadini di carne da cuocervi, e un enorme vassoio con una incredibile varietà di salse, salsine, sottaceti&co (saranno state una ventina di ciotoline, purtroppo ne abbiamo assaggiate si è no mezza dozzina) per accompagnare il tutto. Tutto buonissimo e molto abbondante.

Insieme abbiamo poi diviso un rosti di patate, ottimo.
Altre volte ho ordinato invece il Filetto alla Bordolese e devo dire che mi ha sempre confermato l’alta qualità della carne utilizzata.

Per chiudere, la crêpe Alaska cotta e fiammeggiata sotto i miei occhi sul momento dal patron, e servita con una pallina di gelato alla crema, ottima: va detto che sono proprio i gelati, fatti da loro, ad essere buonissimi, anche se purtroppo ne fanno solo due o tre tipi. Si sente il classico sapore del gelato fatto in casa e su quello alla crema ho il sospetto che utilizzino la stessa base della crème caramel… cosa che lo rende squisito. Ho assaggiato comunque in passato anche la loro Crème caramel cotta e finita e non è da meno.

Il servizio è gentile e sorridente, non sempre perfetto, comunque svolge bene il suo lavoro.
La spesa, comprensiva di acqua, caffè, vino etc, è sui 50-60 euro a testa. E li merita, a mio avviso. Abbiamo circa 8 euro per i primi piatti (10 le escargot), 19 euro a testa per la fonduta o per i filetti, 8 il rosti piccolo (porzione tranquillamente divisibile come accompagnamento) e 8 i dessert.
Il menu non è soggetto a cambiamenti, ma data la sua particolarità sulla piazza romana è per quelle pietanze che ci si va, ed è bello sapere di potercele sempre trovare.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.