Su consiglio di un amico produttore di vino, io e ...

Recensione di del 01/05/2007

Il Vigneto

45 € Prezzo
9 Cucina
10 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 45 €

Recensione

Su consiglio di un amico produttore di vino, io e mio marito prenotiamo in questo ristorante ed insieme a quattro nostri amici decidiamo di pranzare il 1° di maggio, giornata di festa.
Arriviamo in questa piccola frazione di Roddi e parcheggiamo nel parcheggio privato del ristorante (che veniamo a sapere in seguito anche Hotel). Era una bella giornata di sole e quindi veniamo fatti accomodare su di una splendida terrazza con una veduta mozzafiato sui vigneti che ci circondano a perdita d'occhio. La mise en place è impeccabile: tavolo rettangolare con al centro una fila di roselline gialle fresche, bei bicchieri.

Ci portano il menu ricco di interessanti proposte. Nonostante l'allettante menu degustazione ed il menu del territorio optiamo per il menu alla carta.

Io mi lascio tentare dal vitello tonnato di "Nuova Generazione" che mi viene spiegato essere vitello con all'interno un filetto di tonno fresco marinato, cotto appena appena e servito in un'unica fetta un po' spessa ed accompagnato dalla salsa tonnata (completamente rivisitata) ed un piccolo ovetto di quaglia. Strano ma decisamente buono.

I miei commensali hanno invece assaggiato: carne cruda battuta al coltello; filoni animelle e granelle di vitello in doppia panatura con erbe croccanti (molto interessante!).

Io ho saltato il primo piatto ma ho potuto assaggiare quello di mio marito che consisteva in agnolotti quadrati con ripieno di cervella e capperi serviti con lumache di vigna alle erbette (molto buoni).

Quasi tutti abbiamo ordinato il secondo. Io ho scelto una scottata di filetto su letto di punte di asparagi e fonduta, molto buona.
La mia amica (perennemente a dieta!) ha ordinato un "pesce di lenza" al forno con patate e olive taggiasche che si è rivelasto essere un branzino. Interessante la scelta di un altro commensale: cosciotto di agnello al cartoccio cotto nel fieno maggengo (un po' intenso come profumo ma buono).
Altro piatto stuzzicante era il maialino da latte al forno servito con composta di mele alla cannella e finocchietto e amaretto fritto.
Per accompagnare questo delizioso pranzo abbiamo bevuto una bottiglia di Arneis di Correggia ed una bottiglia di Arneis di Negro.

Per quanto riguarda i dessert la scelta non era facile.
Tante le proposte. Io mi sono fatta tentare da una crostatina con crema al limone ed ho assaggiato (rubacchiando al mio vicino) una interessante torta sacher servita con accanto un vasetto chiuso ermeticamente con all'interno ciliegie sotto spirito e un piccolo bicchiere di Barolo chinato: buono. Simpatica l'idea di servire la variazione di sorbetti (sei, uno più buono dell'altro) in una doga di barrique.
Abbiamo concluso con il caffé e con una ricca piccola pasticceria.

Bravissimi. Da ritornare, magari una sera d'estate per assistere ad un romantico tramonto di "Langa".
Prezzo a persona 45,00 €.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.