Nei pressi di Rho per lavoro decido di provare Dal...

Recensione di del 05/06/2010

Dal Fluminese

35 € Prezzo
5 Cucina
5 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

Nei pressi di Rho per lavoro decido di provare Dal Fluminense, locale che conoscevo nella precedente gestione (quando era Alla Terrona Maniera), la sistemazione del banco bar di fronte all’ingresso, della griglia e dei tavoli in sala non è cambiata e, secondo me, rende sempre troppo angusto l’ingresso e non valorizza il locale; le pareti sono di un bel giallo ocra così come le tovaglie, alle pareti quadri e oggettistica caratteristica sarda.
Purtroppo la prima impressione all’ingresso, sono le 13:00, non è positiva, forse non si aspettavano clienti per il mezzodì ma l’impressione è quella di un discreto disordine, scatole di cartone con merci varie sono sparse fra l'ingresso e il banco bar, alcuni tavoli sono ancora da rassettare; sono l’unico commensale e una ragazza cortese in jeans e maglietta mi fa accomodare ad un tavolo e mi porta una bottiglia di minerale.
Il menu è suddiviso fra portate di terra e di mare, tutte specialità sarde dalle quali scelgo un antipasto di mare misto e dei tagliolini con zafferano e astice.
Dopo un attesa notevole arriva un piatto quadrato piuttosto grande con salmone marinato, anelli di calamari in insalata e polpo con patate all’olio, polipetti caldi affogati in cialda di pasta croccante, tonno all’olio di oliva, una cozza, una ostrica e un cannolicchio gratinato; a parte i gratinati che sono stati troppo cotti e quindi hanno solo il sapore del pane bruciato, il resto è soddisfacente anche se, forse proprio per l’abbondanza della porzione, si ha l’impressione che i gusti e i condimenti dei singoli pesci si confondono fra loro.
Altra attesa piuttosto lunga ed arrivano i tagliolini, che sono neri, conditi con pomodoro e gocce di pesto – di zafferano neanche l’ombra – e tre piccoli pezzi di astice; l’ astice purtroppo è duro e stopposo, i tagliolini neri hanno una consistenza "elastica" ed il pesto unito al pomodoro copre completamente il sapore dell’astice. Anche qui l’impressione gustativa non è buona.
Per finire ordino una seadas, una sorta di grosso raviolo di pasta ripieno di formaggio, fritto e cosparso di miele; ricordavo il ripieno di pecorino fresco aromatizzato al limone, questo invece sembra abbia all’interno della pasta filante di mozzarella, ottima comunque la pasta e il miele che la ricopre. Per finire un caffè offerto, il conto di 35 euro.
Viste anche le precedenti recensioni, credo di essere capitato in una giornata sbagliata, dove probabilmente non si aspettavano clienti, anche se questa non può essere una scusante per il disordine della sala e la modestia nelle preparazioni della cucina; non credo che ci tornerò.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.