Io e la mia fidanzata siamo in partenza per un pai...

Recensione di del 07/01/2010

Osteria de' Giusti

12 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 12 €

Recensione

Io e la mia fidanzata siamo in partenza per un paio di giorni di ferie nella bellissima Toscana. Meta: Montepulciano.
Essendo partiti dalla Liguria in tarda mattinata ci ritroviamo all'ora di pranzo ancora lontani dalla destinazione. Decidiamo di uscire dall'autostrada in zona Incisa-Reggello ed avventurarci alla ricerca del primo ristorante che ci ispiri. Facciamo ben poca strada perchè appena oltre il casello autostradale vediamo un cartello che annuncia Osteria De Giusti.
Si presenta come una casetta su due piani con un grazioso giardinetto molto curato con praticello all'inglese ed un ampio gazebo. Lasciamo l'auto in un grande piazzale retrostante, con l'intento di dare un'occhiata e decidere se proseguire o fermarci qui.

L'ampia porta d'ingresso è a vetri e l'interno ci sembra altrettanto curato e piacevole. Sembra il posto che fa per noi.
Un grande banco bar/reception in legno campeggia all'ingresso e due alti mobili ai lati della porta sono zeppi di bottiglie di vino.
Lo stile è il classico dell'architettura toscana: un rustico rivisitato e ristrutturato in chiave elegante. Soffitti in mattoni a vista sostenuti da travi in legno, ferro battuto lungo gli stipiti tra una sala e l'altra, tavoli e sedie in legno scuro. La sensazione che si ha entrando è di un ambiente caldo e accogliente dove nessun particolare è lasciato al caso.
La saletta in cui ci accomodiamo non è molto grande ed in breve tempo tutti i tavoli vengono occupati (la cosa ci impressiona positivamente in quanto il giorno è un feriale post-natalizio).

Il menu è tipicamente toscano con l'aggiunta delle pizze che vengono servite solo la sera. Dovendo poi proseguire nel viaggio, decidiamo a malincuore di non assaggiare uno dei tanti vini locali ma di limitarci ad una bottiglia d'acqua. Il cestino del pane è invitante: grissini con semi di papavero, pane fragrante ed un'ottima focaccina bassa e salata.

Ordiniamo due primi: pici al sugo d'anatra per me e tagliatelle al ragù di cinghiale per lei.
I piatti sono abbondanti e maestosamente conditi. La pasta è fatta a mano, porosa e con la giusta cottura assorbe magnificamente il sugo. I pici sono conditi senza pomodoro quindi il sapore dell'anatra non è annebbiato da altri gusti mentre le tagliatelle sono spesse e talmente ricche di sugo che la mia fidanzata non resiste alla tentazione di fare scarpetta con il pane.
Totalmente soddisfatti e con l'intenzione di tenerci leggeri, decidiamo di prendere il caffè e ripartire. Sembrerà esagerato ma è il miglior caffè macchiato che abbiamo mai bevuto. La schiuma del latte sembrava panna. Davvero ottimo!

Il consiglio, per chi ha un po' più di tempo e non deve mettersi alla guida, è di provare ad affrontare un classico pranzo a base di piatti e vini toscani, di cui è ricco il menu. Crostini di ogni tipo, salumi, i primi con condimenti tipici come l'aglione e le carni di cui fiorentina e filetto la fanno da padrone.

Il conto è onesto ed adeguato al tipo di ambiente e alla qualità di servizio e cibi. Ricapitolando: due coperti (totale 5 euro), una bottiglia d'acqua naturale (2 euro), due primi (tagliatelle a 7 euro e pici a 8 euro) e due caffè (totale 3 euro) per un totale di 25 euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.