Non sopporto i “panini primavera”, le “bufaline”, ...

Recensione di del 03/01/2011

El Patio

25 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €

Recensione

Non sopporto i “panini primavera”, le “bufaline”, ecc. cioè praticamente tutto quello che possono offrirti i vari punti di ristoro posti in autostrada e, se è possibile, cerco di uscire e di rilassarmi in qualche buona trattoria. Ho in memoria molti punti di riferimento in quasi tutta Italia ma non ne avevo nel viaggio in questione che mi doveva portare sulle Alpi Bellunesi. Sfoglio “osterie d’Italia “ di Slow Food e decido di provare questo locale che, dalla recensione, appariva particolarmente accattivante. Esco al casello di Preganziol e fatti circa quattro chilometri lo raggiungo con facilità: si tratta di un piccolo casolare situato subito al di fuori del centro abitato con un comodo parcheggio al davanti. La giornata assolata ed il clima stranamente mite mi mettono di buon umore, umore che migliora ulteriormente per la gentilezza di chi ci accoglie.
Due grandi stanze con arredi modesti ma ambiente comunque caldo ed accogliente: insieme al menu ci viene portato un flûte di prosecco come benvenuto. La cucina è prettamente del territorio: sette antipasti ad 8 €, altrettanti primi a 8 €, nove secondi dai 12 ai 15 €. Grande spazio ai piatti tipicamente veneti (pasta e fagioli, zuppa di radicchio, baccalà alla vicentina, seppie alla veneta, ecc.) e lista dei vini molto, molto corta, con soli vini locali e molto, molto prosecco della vicina Valdobbiadene. Tutto ciò rende meno penoso, dal momento che devo riprendere il viaggio, rinunciare al solito buon bicchiere di vino.
Parto dall’assaggio di un antipasto misto formato da involtini di melanzana con brie, rotolini di carpaccio con lattuga, soppressa con polenta, crostini al pomodoro: tutto molto semplice ma ben fatto.
Continuo con degli gnocchi di zucca al burro e salvia (eccessivamente calorici ed un po’ troppo compatti) e finisco con una mezza porzione di guancette di vitello con verdure ai ferri (preparazione che mi ha ricordato vagamente un brasato) di buon impatto visivo e gustativo. Due chiacchiere in sala con il personale e riprendo la mia strada.
Concludendo: altra trattoria che entra nella mia “rubrica dei locali fuori casello”. Si mangia in modo corretto a prezzi decisamente modici, evitando le file e la tristezza degli autogrill.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.