Comincerei con descrivere l'impatto con Polignano ...

Recensione di del 16/08/2006

Grotta Palazzese

95 € Prezzo
7 Cucina
10 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 95 €

Recensione

Comincerei con descrivere l'impatto con Polignano a mare, uno dei paesi più belli della nostra Penisola, da alcuni definita una Portofino del sud Italia. Siamo pochi km a sud di Bari, lasciata l'auto al custode dell'omonimo hotel (che vi consigliamo caldamente) ci immergiamo nei vicoli di questo paese a picco sul mare, dove le case hanno terrazze e finestre a strapiombo su un mare di un colore meraviglioso. Grande storia e cultura di questo millenario borgo che per molti hanni si è difeso dai molti e molti attacchi di altre città. Tre chiese stupende immerse nel borgo antico, una meravigliosa isola pedonale illuminata la sera con grande maestria, piena di localini curati e negozi tipici, realizzati con grande attenzione e gusto estetico. Ci siamo goduti la passeggiata, abbiamo guardato uno dei tramonti più belli della nostra vita con un aperitivo in una mano e, non mi vergogno a dirlo, la macchina fotografica nell'altra, da veri turisti.

Al termine della passeggiata incontriamo nuovamente questo famoso -devo dire più oltrefrontiera che in Italia- hotel con il suo ristorante. Essendo una giovane coppia con bimba di pochi mesi dobbiamo domandare aiuto a una gentile signora dell'albergo per scendere i moltissimi gradini (a spanne direi duecento) che portano nella -definiamola così- sala ristorante.

Ambiente.
Dalla cima di uno strapiombo siamo giunti quasi al livello del mare. E di un mare che si sente, si fa sentire. La location, come raccontano i colleghi mangioni che mi hanno preceduto, lascia letteralmente senza parole, non esito a raccontarvi che è il posto più incredibile dove io abbia mai cenato. Siamo -davvero, fatico a crederci ma è così- in una profonda grotta millenaria resa e trasformata, agli inizi del 1700 dai feudatari del luogo, in una sala da ballo. Negli anni la trasformazione in ristorante. Lo scenario ci avvolge, il mare davanti a noi, che guarda l'infinito, e dietro di noi, nella grotta, con il suo bel rumore di risacca, con il suo profumo. Ci guardiamo e quasi non crediamo sia possibile, ma è così. Venendo alla nostra storia, vi raccontiamo che i tavoli sono apparecchiati con cura e semplicità, il personale è in smoking e si respira un'aria da ristorante "elegante" anni ottanta. Sorridamo sotto i baffi di queste scelte. In più un bravo cantante ci allieterà la serata con musica da piano bar, scelta da noi poco condivisa ma da molti sicuramente apprezzata.

Menu.
Non offre molta scelta questo semplice ma ben presentato menu. Come ci avevano giustamente segnalato, non si viene qui a cena per il menu; perlomeno, non soltanto per il menu. Cucina quasi esclusivamente di pesce, pesce fresco visibile anche in una ben fatta esposizione vicina alle cucine. Prezzi da ristorante di "lusso" dei tempi passati: più o meno ogni piatto vale intorno ai 20 euro.

Antipasti.
Dopo un appetizer ben fatto e gradito ordiniamo una selezione di frutti di mare: un bel piatto con gusci e crostacei crudi. Piacevolmente apprezzato.

Primi piatti.
Assaggio delle pennette con zafferano e polpa di aragosta. Piatto corretto.

Secondi piatti.
Mia moglie ordina un "cocktail di aragosta" assolutamente piacevole, io assaggio una poco riuscita coda di rospo.

Dessert.
Non ci attira nulla come fine pasto, ci godiamo un discreto caffè accompagnarto da biscottini tipici.

Carta dei vini.
Da segnalare che, a differenza di quanto accade nel menu, i ricarichi dei vini sono onestissimi, a mio parere TROPPO bassi; la selezione di etichette è a mio modo di vedere sufficiente. Lasciarsi andare ai piaceri di bacco qui, in grotta, non è per nulla dispendioso.

Considerazioni finali.
Esperienza sicuramente da provare una volta nella vita. Tra i tavoli bordo mare che affacciano sull'esterno e quelli che affacciano in grotta consiglieremmo, ad un pubblico che ovviamente ha già avuto modo di cenare alcune volte sul mare, quelli in grotta: è una sensazione davvero mai provata che ricordiamo con piacere. Per il resto non aspettatevi una grandiosa cucina, che tuttavia rimane assolutamente corretta. Le materie prime sono superiori, va da sè che il pesce è freschissimo. Non rimanete delusi dal triste cestino del pane, anche se i piccoli taralli che vi porteranno confezionati hanno un sapore meraviglioso, li producono a Bitonto, da queste parti. Consigliamo anche a voi di non tuffarvi nel dessert ma di approfittare per fare due passi nuovamente nel meraviglioso nucleo antico del paese per raggiungere, appena fuori dalla porta in una grande piazza, il "mago del gelato" una gelateria molto conosciuta da queste parti -noterete una chilometrica coda ma fidatevi ne vale la pena!- dove potrete giustarvi il miglior gelato della vostra intera esistenza. I gusti cambiano ogni ora, in base ai prodotti che il mastro gelataio utilizza, per non annoiarsi. Chiedete, se vi garba, la variante doppiapanna e granola: vi troverete un cono con i gusti da voi scelti e -in più- la panna all'interno del cono, e all'esterno del gelato, una meraviglia. Una dolce conclusione di una serata che sarà meravigliosa: nonostante avrete messo in preventivo un centinaio di euro a persona.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.