La serata è calda e decidiamo di andare verso il m...

Recensione di del 03/08/2007

Gino

61 € Prezzo
10 Cucina
10 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 61 €

Recensione

La serata è calda e decidiamo di andare verso il mare!
Andiamo a mangiare in un ristorante che frequentavamo molto tempo fa, uno dei ristoranti storici di Pisa.
“Da Gino” è a Marina di Pisa nei pressi di Bocca d’Arno, ci si arriva prendendo fino al mare la prima traversa a destra dopo il cartello che indica l’inizio della località balneare pisana!
Rispetto alle nostre precedenti visite l’ambiente è completamente rinnovato, c’è sempre una sola sala ma è tutta nuova con una quindicina di tavoli da vari coperti, lampadari e appliques moderni, una mezza parete in mezzo alla sala con tante piante come divisorio.

I titolari, credo moglie e marito, che gestiscono la sala e gli altri camerieri sono sempre gli stessi!
Abbiamo prenotato e ci accomodiamo in un tavolo da 2 coperti!
Il tavolo non è grandissimo e l’apparecchiatura ricca ed elegante non ci lascia tanto spazio, gli altri tavoli sono abbastanza vicini ma comunque l’ambiente è climatizzato e confortevole.

Il menù è pieno di pesce e non potrebbe essere altrimenti, la carta dei vini ordinatamente suddivisa per tipo di vino e per area geografica.

Mentre ci dedichiamo alla consultazione del menù ci viene servito come aperitivo un bicchiere di un vino molto buono, secco e vivace, non sono riuscito a vedere bene l’etichetta ma sembrava francese

Come antipasto scegliamo un Misto Mare, cinque piccole portate come dice il menù, composte da: un carpaccio di salmone fresco con olio d'oliva limone e pepe, acciughine con cipolle di Tropea, uno sforma tino di zucchine e gamberetti veramente molto gustoso anche se servito troppo ma davvero troppo caldo, dei totanini cotti al vapore con rucola e pinoli e cozze servite con limone. Quest’ultima forse la portata più semplice ma è risultata la migliore merito sopratutto alla qualità e alla freschezza delle cozze

Per secondo accettiamo il consiglio della titolare e prendiamo una bella catalana!
Come è costume in un ristorante di questo livello i crostacei, un’aragosta, due scampi e sei gamberoni che andranno a comporre la catalana, ci vengono “presentati” prima della cottura.
Sono belli a vedersi ma, cotti al vapore, conditi con abbondante olio di oliva e accompagnati da tante verdure affettate si riveleranno squisiti a mangiarsi!

Dalla carta dei dolci mia moglie sceglie una torta alle mele e gelato di crema.
La torta alle mele è una specie di crostata con crema mescolata a piccoli cubetti di mele uvetta e mandorle, servita molto calda, ma anche questa davvero molto calda, forse volutamente per accentuare il contrasto con il freddo del gelato alla crema.
Sublime!

Io invece opto per un gelato di pinoli con cioccolato caldo, in pratica di palline di gelato, sicuramente artigianale, condito al tavolo con una massiccia colata di cioccolato bollente.
Assolutamente senza parole!

Il caffè ci viene servito in una simpatica tazzina con tappo in ceramica per preservarne temperatura e gusto.

Il conto è così suddiviso: acqua e coperti 11, antipasti 30, catalana 58, dolce 10, vino chardonnay Ritterhof 13, caffè 1,50 per un totale di 123,50 euro.

Il conto è un altra cosa rinnovata, fino qualche tempo fa infatti si mangiava con la stessa qualità ma a prezzi più abbordabili.
Ristorante di qualità e spesa decisamente superiore che merita però di essere visitato!

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.