Serata tranquilla, in settimana, due amici, una be...

Recensione di del 15/07/2010

Hosteria Il Castelletto

30 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 30 €

Recensione

Serata tranquilla, in settimana, due amici, una bella cena come non accadeva da tempo. Ci dirigiamo al ristorante "Il Castelletto". Nella via del ristorante non troviamo parcheggio, 100 metri oltre il locale c'è un semaforo, svoltiamo a sinistra e siamo in via Dante Alighieri, lì c'è posto e parcheggiamo.
Entriamo, il ristorante è arredato in modo molto sobrio e senza eccessi, nè troppo rustico nè troppo elegante, pareti chiare, tavoli e sedie scure, foto d'epoca e quadri alle pareti, il tutto non mi colpisce particolarmente.
Ci accomodiamo ad un tavolo per due, diamo una rapida occhiata alla lista e ordiniamo.

Il menu offre piatti tipici della cucina emiliana e non, tortelli, tortellini, pisarei ma anche brasato d'asino, bollito misto e ossobuco.
Io ordinerei volentieri tutto il menu ma il clima della serata, in termini di compagnia e temperatura, impone piatti meno impegnativi.
Optiamo per uno dei cavalli di battaglia del locale: gnocco fritto con annessi e connessi, ci facciamo quindi portare un tagliere di salumi vari, un tagliere di formaggi, gnocco fritto per due e crescentine (tigelle) per due.
Da bere io ordino una birra piccola e il mio amico un quartino di vino bianco della casa, ci facciamo portare anche l'immancabile bottiglia di minerale.
La fame incalza ma, per fortuna, l'attesa è breve e in poco tempo la cameriera, una signora gentile e portata al sorriso, arriva con le portate.

Lo gnocco fritto è caldissimo e fragrante, saporito e quasi per niente unto: veramente buono, le tigelle non sono da meno, calde anch'esse e servite in un cestino coperte con un canovaccio per preservarne il calore.
Il tagliere di salumi è molto ricco e contiene prosciutto crudo, coppa, salame, mortadella e pancetta, tutto molto buono, in particolare la mortadella e il crudo.
Il tagliere di formaggi contiene zola, crescenza e un formaggio semiduro a media stagionatura (tipo Italico - Bel Paese) accompagnati da un paio di vasettini di miele (apparentemente acacia). Nessuno dei formaggi brilla per gusto e sapore, non sono assolutamente cattivi ma la loro qualità è paragonabile a quella di un formaggio "industriale".
Nel giro di poco spazzoliamo via tutto quello che c'è sul tavolo, la fame cede il passo all'ingordigia e ci facciamo portare un altro cestino di gnocco
fritto per due con del battuto di lardo e spezie da spalmarci sopra: buonissimo, un'accoppiata insuperabile!
Per terminare due caffè e il mio amico ordina anche una grappa.

Riepilogando: un quarto di vino, una birra piccola (33 cl, una bottiglia d'acqua, gnocco fritto per quattro, tigelle per due, tagliere di salumi, tagliere di formaggi, battuto di lardo e spezie, caffè per due, grappa; totale 60 euro (30 euro a testa).
Direi che il prezzo è onesto: si è mangiato degnamente, a sazietà e spendendo il giusto. Ci tornerò sicuramente in inverno per provare i due miei grandi amori culinari: il bollito misto e il brasato d'asino.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.