Io e la mia ragazza abbiamo raggiunto il ristorant...

Recensione di del 06/08/2011

Il Caminetto

32 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 32 €

Recensione

Io e la mia ragazza abbiamo raggiunto il ristorante dalla stretta strada che si distacca dalla vecchia ss 36 e che, stretta stretta, porta a Gittana percorrendone i 9 tornanti (il ristorante è raggiungibile anche dall’alto attraverso una strada più agevole che parte dall’abitato di Perledo).
Il locale è inserito nel piccolo abitato di Gittana, suggestivo paesino con vista lago, in una tipica casa di pietra. Caratteristica la gabbia per uccelli di legno che sovrasta la finestra esterna del ristorante e il tronco intagliato che fa spazio ai fiori, decorativi della facciata.

La sala ristorante si caratterizza per la presenza del caminetto centrale che la domina e che riscalda i commensali durante l’inverno (l’ultima volta che ci eravamo stati nevicava e devo dire che il fuoco creava un’atmosfera particolarmente calda e romantica) ove possono essere accolti circa 30/40 persone e una zona rialzata in cui ho contato 10/15 coperti; alla sinistra dell’ingresso si presenta infine una piccola area adibita a bar dove viene preparato il caffè.
Devo dire che l’ambiente è molto semplice con tavoli, sedie e sedute su panche in legno che rendono l’atmosfera molto casereccia.

All’ingresso ci accoglie la figlia di Moreno (il cuoco) e della moglie Rossella che ci accompagna al tavolo a noi riservato.
Tempo di sistemarci ci viene ben presto portato il cestino del pane (di farina bianca, di grano saraceno e dei gustosissimi grissini). Moreno ci ha svelato che il pane non viene preparato direttamente da lui ma che, ad ogni modo, sceglie prodotti di qualità acquistati da fornitori di fiducia confezionati in porzioni molto piccole per garantirne sempre la freschezza.

Decidiamo di partire con dei primi: spaghetti con gamberi di fiume e pomodoro fresco e ravioli ripieni ai carciofi con porri saltati.
La pasta devo dire è il fiore all’occhiello di Moreno, rigorosamente fatta a mano tanto che la morbidezza si fa sentire non appena assaggiata.
Gli spaghetti serviti in una simpatica “bacinella” alta e stretta si distinguono per la presenza di una notevole quantità di gamberi che a mio parere, rispetto a quelli di mare, hanno un sapore più delicato ed un profumo totalmente diverso considerata la grande diversità dell’ecosistema in cui vivono (si riproducono preferibilmente in acque sorgive e quindi particolarmente pulite) oltrechè di dimensioni ridotte (non superano i 2 cm di altezza). E’ un piatto molto ricercato che non mi sono fatto assolutamente sfuggire, di una bontà sopraffine che non ha deluso le mie aspettative.
Gustosissimi anche i ravioli: il sapore deciso e versatile dei carciofi ben si coniuga al gradevole gusto dei teneri e dolci porri, magnificamente prestati a questa cucina rustica e popolare.

Considerate le porzioni, sopra la media, decidiamo comunque di avventurarci con i secondi: costolette di cervo alle mele e lavarello con pomodorini accompagnate da un contorno (a parte) di patate saltate.
La carne di cervo ha un qualcosa di speciale che la distingue dalla selvaggina e dalle altri carni. E' infatti una combinazione di sapore tra la carne bovina ed un gusto forte, frizzante, ricco di ferro e di proteine che, in questo caso, viene molto ben stemperato dalla dolcezza delle mele.
Il lavarello, tipico pesce di lago, è stato cucinato da Moreno sulla pietra ollare (la cosiddetta Pioda) per evitare l'aggiunta di ulteriori grassi e condito con saporite erbe aromatiche. Unico neo le patate che, a mio parere, potevano essere condite con una minor mano d'olio.
Ad ogni modo entrambe le portata sono state particolarmente apprezzate.

Per chiudere in bellezza optiamo per una delicata torta al limone della casa, molto ben compatta e digeribile, e per una piacevole e fresca porzione di frutti di bosco conditi con succo di limone e serviti in una particolare "casseruola" di cotto.

Il servizio è premuroso sia da parte della moglie Rossella sia da parte della simpatica figlia che ci ha intrattenuto qualche minuto raccontandoci dei "dispetti" del piccolo figlio; tempi di consegna delle portate nella media considerando però che non è sempre facile con la conduzione famigliare di tre persone gestire i commensali presenti in sala.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.