Agostino Cremonesi, oltre che impegnato nell'aibes...

Recensione di del 26/12/2004

Al Cassinino

85 € Prezzo
6 Cucina
10 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Negativo
Prezzo per persona bevande incluse: 85 €

Recensione

Agostino Cremonesi, oltre che impegnato nell'aibes, gestisce con la moglie cuoca, questo locale lungo il naviglio tra Certosa e Pavia.

Una villetta a 2 piani adagiata su un fosso (abbastanza squallido) parallela alla statale che da Pavia corre verso Milano costeggiando il naviglio.
Probabilmente nella mia vita pochi ristoranti così lussuosamente arredati ho potuto trovare! Tavoli rotondi (solo 6) molto ampi per un totale di 20 coperti; sedie stile Luigi XV, un trionfo di argenteria sulla tavola rendono il posto come una favola. In sala Agostino Cremonesi e in cucina la moglie. Al piano superiore le toilette, con marmi pregiati, acquasantiere di marmo per le salviette, profumi, luci automatiche e chi più ne ha più ne metta! Al piano interrato la cantina, chiusa e climatizzata con un patrimonio in bottiglie inestimabile! All'ingresso un salottino con camino, poltrone d'epoca in pelle e arredi contenenti distillati per tutti i gusti e le tasche.

Bene.....dopo tutto questo ben di Dio e tutti i complimenti per un locale veramente tenuto al top… passiamo alla cucina, che sicuramente propone materie prima di assoluta qualità, ma risulta un po’ banalotta in considerazione del tipo di locale e con ricarichi eccessivi.

Menù per 2:
- flute di spumante e crostini con lardo di Colonnata e burro.
- PENNETTA ALLA CASSININO, semplicissime mezze penne rigate con zucchine, pomodoro fresco e olive.
- costine d'agnello panate veramente ottime, le migliori che abbia mai assaggiato.
- FILETTO DI ORATA CON PANNA ACIDA, buono anche se tutta quella panna copriva il gusto del pesce.
- per finire un assaggio di RANE IN PASTELLA buone, pescate nei fossi, la panatura ottima croccante e servite in uno spiedo d'argento a forma di rana
- PANETTONE FATTO IN CASA un po’ pasticciato, molto pesante da mangiare e con canditi e una salsa indefinita, niente di che.
Vino: 1 bottiglia di Noir di Mazzolino (30 euro! Una follia).
Conto per due: 170 euro.

Francamente la cucina è un po’ sempliciotta, e spendere 40 euro per 2 piatti di penne con le zucchine è davvero eccessivo.
La carta dei vini non esiste: alla richiesta Agostino dice "La carta dei vini sono io, ne abbiamo talmente tanti che farla è impossibile; se volete venite in cantina".... fate voi.
Ideale per far colpo su qualche pimpante donzella: non c'è mai nessuno, tavoli lontani, al massimo 2 coppiette.
A voi la sentenza.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.