Pranzo: domenica 2 ottobre 2005, in tre persone. ...

Recensione di del 02/10/2005

Da Palmiro

54 € Prezzo
8 Cucina
6 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 54 €

Recensione

Pranzo: domenica 2 ottobre 2005, in tre persone.
Il ristorante si trova alla periferia di Parabiago al piano terra di un palazzo piuttosto anonimo; subito davanti all’ingresso è situata una vetrina refrigerata con una bella esposizione di pesci pronti per la cottura.
Ci accomodiamo nella saletta di sinistra che ha una capienza di circa 50 coperti (credo ce ne sia una anche sulla destra): tavoli ben apparecchiati con sottopiatto in ceramica, posate in argento, un bicchiere tipo tumbler per l’acqua e uno a stelo alto per il vino.

Buona la selezione di preparazioni di pesce sul menu, solo un paio di primi e di secondi di carne.

La carta dei vini è abbastanza esaustiva con ricarichi medi. Ordiniamo un Roero Arneis Blanche della Cerretto 2004 al costo di 18,00 euro; la bottiglia viene stappata davanti a noi e posta in glassette per il mantenimento della temperatura; ci vengono anche cambiati i bicchieri da vino con dei calici a tulipano per vino bianco.

Come antipasto ordiniamo selezione di pesce crudo marinato e crema di scarola con calamari.
La selezione di pesce crudo è composta da filetti di tonno, di salmone, di branzino, di pesce spada e due piccoli gamberi; la marinatura è leggera ed esalta la freschezza del pesce: voto 8.
La crema di scarola con calamari viene presentata in pirofile monoporzioni; molto buona la crema con un sapore piuttosto dolce e un retrogusto di cipolla appena accennato; i calamari sono morbidissimi ma l’insieme del piatto risulta abbastanza slegato. Voto 6.

Per primo piatto la scelta è caduta su tagliolini allo scoglio e risotto di zucca con gamberi.
I tagliolini vengono presentati con molluschi, cozze e vongole già sgusciate e pomodorini freschi; buona la cottura ed abbondante la porzione. Voto 7.
Il risotto alla zucca e gamberi, presentato con una spruzzata di balsamico a fine cottura, è ottimo ed il sapore dolce della zucca si abbina bene con il gusto dei gamberi proposti a pezzetti. Voto 8.

Per secondo astice al forno e fritto misto di calamari (piatto non in carta ma sempre disponibile).
Un astice è servito già trinciato a grossi pezzi con il suo sugo di cottura leggermente piccante, molto saporito e per niente stopposo. Voto 8.
Il fritto di calamari (una porzione molto abbondante) risulta ben cotto e per niente unto. Voto 7.

Alla fine due carrelli: uno per la frutta, proposta in pezzi e già pulita e un carrello dei dessert di produzione propria; abbiamo scelto il classico salame al cioccolato, molto ben realizzato e una mela al forno in gabbia di pasta sfoglia con una crema tiepida di zabaione, molto buona. Voto 8.
Per concludere due caffè.

In sintesi: un buon ristorante con un servizio attento e una cucina senza spunti creativi ma dove il pesce è sicuramente di buon livello con un rapporto qualità/prezzo nella media.
Per tre antipasti, tre primi, tre secondi, tre dessert, due caffè, una bottiglia di vino e due di acqua minerale San Pellegrino, 163,00 euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.