Ero già stata diversi anni fa con i miei genitori ...

Recensione di del 15/01/2011

La Taverna Del Gufo

35 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

Ero già stata diversi anni fa con i miei genitori e un’amica di famiglia che ci aveva portato lì, ma non mi ricordavo molto.
Avendo ora un fidanzato che abita fuori Biella, la ricerca di posti per cenare è sempre attuale, così, complici anche indicazioni di conoscenti, abbiamo deciso di andare in questo ristorante, di cui ho anche trovato il sito internet. Si tratta in realtà di una “casa ristorante”, una villetta adibita appunto a locale.
Non è difficile arrivarci, da Biella si va verso Occhieppo inferiore e al semaforo pedonale si gira a sinistra, la seconda strada a sinistra dalla rotonda grande. Si prosegue per la strada principale finché sulla destra si vede l’indicazione. Parcheggiamo nella spiazzo e suoniamo il campanello. E' sicuramente consigliata la prenotazione.
Entriamo nel giardino e seguendo i ciottoli si arriva all’entrata.
Vediamo attraverso le finestre che all’interno ci sono già dei commensali.

Il locale è molto gradevole: si entra e in un piccolo ingresso ci sono due scrivanie e un armadio per i cappotti. Due porte danno sulle cucine e il bagno.
Saliamo alcuni gradini e la proprietaria, una signora molto simpatica, ci fa accomodare in un tavolo per quattro, pur essendo solo in due, nel mezzo della prima sala. Nella stessa sala ci sono altri due tavoli, uno da due e un altro da quattro persone. Ci guardiamo intorno e notiamo altre tre salette con tavolate già apparecchiate anche di 6/7 persone che si riempiranno di lì a poco. La tavola è ben apparecchiata con tovaglie di stoffa a quadretti bianche nere e grigie, il cestino di grissini sfuso e il pane a parte, in un altro cestino.

C’è la possibilità di ordinare, a 30 euro, il menu comprensivo di antipasto, primo, secondo e dessert, ma siccome noi abbiamo preferito la carta, non so se ci siano dei piatti fissi o si possa scegliere.
Abbiamo quindi ordinato una bottiglia di Grignolino da 10 euro, buona, nella norma, non conosco l’etichetta. La carta era mediamente fornita.
L'acqua viene portata in una bottiglia tipo quella del latte, di vetro, senza marca che non viene comunque fatta pagare.

Antipasti.
Sformato di topinambur con salsa bagna cauda, leggera per me: la “bagna cauda” è una salsina di acciughe e olio, molto leggera e abbondante. Ho fatto anche la scarpetta… Lo sformato aveva anche qualche pezzetto non frullato, ben amalgamato, piacevole al gusto. Si sentiva chiaramente la freschezza degli ingredienti.
Vitello rosa con carciofi padellati per il mio commensale: un carpaccio con al centro dei carciofi padellati (li ho assaggiati: molto buoni, non unti ma saporiti).
Entrambi davvero gustosi.

Primo.
Gnocchi di castagne con zucca e castelmagno (mi pare che questo fosse il formaggio, ma non sono sicurissima): davvero fantastici!
Condimento leggero, il formaggio fuso non avvolgeva tutto togliendo sapore ma sembrava “spruzzato” qua e là, comunque in abbondanza! C’erano pezzetti di castagne e la zucca era tagliata a striscioline. La zucca di per sé non ha molto sapore ma l’ho trovata invece buona, aveva preso il sapore del formaggio e delle castagne! Inoltre dava un po’ di colore.

Secondo.
Merluzzo mantecato con olive taggiasche, patate e cipolle. A sentire il mio commensale, ottimo!

Dolci.
Essendoci più che saziati con i piatti precedenti, come dolce io ho preso un sorbetto al mandarino con scorzette dal sapore di mandarino pienamente percepibile (mi è capitato a volte di assaggiare sorbetti dai sapori diversi che però poi non sapevano di niente). Le scorzette erano caramellate, forse un po’ dolci ma passato il caramellato lasciavano la bocca profumata di mandarino.
Il mio commensale un gelato alla crema con castagne caramellate, fatto in casa, castagne a pezzetti, abbondanti e buone anche quelle.
Un caffè normale, uno d’orzo, accompagnati da una ciotolina di biscottini buonissimi.

In totale abbiamo pagato 70 euro, che non è poco ma comunque credo sia il giusto, così divisi: due antipasti 20 euro; un primo 10 euro; un secondo 15 euro; due dolci 12 euro; vino 10 euro; due coperti 2 euro; un caffè normale più un orzo piccolo 2 euro. Totale 71 euro “arrotondati” a 70.
Direi un'esperienza da ripetere, il posto è forse più adatto a cenette romantiche, tra coppie se non proprio a due, ma si presta anche a una cena o un pranzo in famiglia. Credo proprio che ci torneremo.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.