Per festeggiare un compleanno si è deciso di andar...

Recensione di del 17/05/2008

Al Pruneto

40 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
5 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 40 €

Recensione

Per festeggiare un compleanno si è deciso di andare a cena in questo ristorante memori dell’esperienza fatta qualche anno prima quando, in una splendida serata estiva, cenammo magnificamente all’aperto accomodati a dei caratteristici tavolini situati sul marciapiede.

Il locale si trova a Posillipo, quartiere residenziale che prende il nome dalla collina sul quale è situato, collina che domina il lungomare di Napoli con una splendida vista sulla città, sul Vesuvio e di fronte ad uno dei panorami più belli al mondo.
Questa volta siamo in otto e veniamo fatti accomodare ad una tavolo quadrato in una sala posta al piano superiore, molto caratteristica arredata stile marinaro con arredamenti in parte originali (splendidi i termosifoni).

Ci accomodiamo e ci vengono serviti gli antipasti e precisamente insalata di mare, cicenielle (in italiano bianchetti, neonati di alici) marinati, bruschette al pomodoro, crocchè di patate ed un isolito pesce bandiera marinato.
Il tutto accompagnato da dell’ottimo pane e da bottiglie di Falanghina dei Campi Flegrei della quale non ricordo la cantina ma che non brillava per profumo e sapore, vino piacevole, anche per la temperatura di servizio, ma sicuramente non entusiasmante.
Per quanto riguarda gli antipasti tutti buoni con nota di merito per i cicenielle.

Passiamo ai primi, per me spaghetti ai ricci di mare, ottimi, cottura perfetta e sapore allo stesso tempo delicato ma con la persistenza del sapore “del mare”, unico neo la porzione non proprio da lasciare pienamente soddisfatti.
L’altro primo, che ho assaggiato da mia moglie, è stato il risotto agli agrumi, con arance, limoni e pompelmi, questo piatto ha riscosso il plauso di tutti ma a mio modestissimo parere era troppo prevalente il sapore del pompelmo su tutti gli altri e questo ha reso il sapore di questa portata non equilibrato, non della giusta delicatezza e profumo che ci si aspetta da una preparazione del genere.

Per secondo ci viene servita una frittura mista di pesce, mista nel vero senso della parola, nel senso che oltre ai classici gamberi e calamari, peraltro di una freschezza e di un sapore assolutamente desueti da quelli della “classica” frittura di mare, sono stati serviti anche dei pezzi di cefalo fritti, che nonostante siano stati piuttosto scomodi da mangiare perché pieni di spine, hanno dato gusto, originalità e del valore aggiunto a questa portata.

In conclusione il dolce, per me torta caprese, dolce tipico della tradizione culinaria campana, in particolare quella di Capri, a base di mandorle e cioccolato ricoperto da un finissimo strato di zucchero a velo, buona, non è così scontato trovarla sempre buona perché di presta a moltissime e svariate interpretazioni che non sempre la rendono più gustosa.

Appunto negativo per il servizio, che è stato si celere, ma che troppe volte ha ceduto alla tentazione di indirizzare più o meno esplicitamente le scelte dei commensali cercando di uniformarle.
Altro appunto negativo, cosa questa che io trovo fastidiosissima, l’assoluta mancata corrispondenza della carta del menu con le proposte reali della cucina, dimostrata dal fatto che prima di “partorire” l’ordinazione definitiva abbiamo dovuto girovagare in lungo e in largo per il menu tra “non ci sono”, “non è possibile” ed “è terminato” tanto è vero che alla fine siamo addivenuti alla conclusione che il cameriere faceva prima a recitare a voce quello che era possibile ordinare che a stare a rispondere negativamente a tutte le nostre richieste di ordinazioni.

In conclusione una piacevole serata, macchiata da qualche neo, dove si è mangiato del buon pesce.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.