E' domenica e con la famiglia decidiamo di fare qu...

Recensione di del 24/10/2010

Trattoria Dai Mugnai

27 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 27 €

Recensione

E' domenica e con la famiglia decidiamo di fare qualche chilometro per visitare un bel posticino e fermarci a pranzo. La scelta cade su Monteveglio, famosa per l'abbazia e il borgo fortificato. Proviamo a prenotare alla Trattoria del Borgo, ma è piena, quindi optiamo per la Trattoria dai Mugnai, nel centro del paese moderno e troviamo l'ultimo tavolo. La gestione è la stessa del Borgo, quindi siamo abbastanza certi che passeremo un bel pranzo. Poi l'edificio (un vecchio mulino del 1500, restaurato a fine 1700 come lo vediamo oggi) è veramente bello e suggestivo, peccato che intorno sia stato violentato tutto dall'urbanizzazione anni 70-80.
L'accessibilità non è poi così male, anzi l'essere appartato dal traffico forse salva l'atmosfera. Comunque c'è un parcheggio davanti con una decina di posti auto, in alternativa due passi si fanno volentieri e il paese non mi ha dato l'idea di essere inaccessibile e troppo trafficato. Discorso diverso per la Trattoria del Borgo per cui vale la pena farsi due passi e salvare l'atmosfera medievale del borgo lasciando gli orribili ferri con le ruote fuori dalle scatole.
Comunque entriamo nel locale e si respira subito un'aria casalinga, il benvenuto è caloroso e ci si sente subito a proprio agio. Ci sono due sale (più uno spazio all'aperto non accessibile visto il periodo). Atmosfera calda, tipicamente emiliana.
Passiamo a descrivere quello per cui ci siamo leccati i bassi.
Primi piatti mia figlia prende i tortellini in brodo di carne (i nostri a Reggio Emilia cappelletti, o almeno simili), io e mia moglie carbonara di gramigna con tartufo nero.
Il bello di questo locale è che il gestore spiega ogni piatto a richiesta, quindi ci spiega la differenza dei tortellini in brodo bolognesi dai cappelletti reggiani. In sostanza risultano molto buoni col brodo che non è per nulla pesante, ma ugualmente appetitoso.
Le nostre carbonare sono leggermente asciutte, ma dal sapore divino, mi sorprendono per la leggerezza che le caratterizza. Il tartufo (di stagione) è decisamente saporito. Una delizia.
Come secondo io prendo la friggiona bolognese con salsiccia. Un piatto che mi viene spiegato come si faceva una volta e come mi verrà servito. Un condimento con salsa di cipolla e pomodoro e prosciutto, posato a fine cottura sulla salsiccia fatta ai ferri. Per un appassionato dei sapori forti come me, una leccornia. Impeccabile.
Ad accompagnare primi e secondo un Barbera dei colli bolognesi della cantina "Botti". Buonissimo a un prezzo accessibilissimo.
Il dolce infine sarà il "girone del golosi" un misto di torte fatte in casa con un bicchiere di mascarpone al centro. Una bomba di calorie per la quale anche un indifferente verso i dolci come me perde la testa. Buonissimo ma da condividere con altri perchè veramente abbondante.
Il prezzo mi sembra giusto per quanto abbiamo mangiato, e soprattutto per come abbiamo mangiato. 67 euro in tre, che tolto il piatto di mia figlia e il suo coperto porta il prezzo a testa di noi due adulti a 27 a testa.
Ci torneremo, vista anche l'accoglienza, l'ambiente e la disponibilità della famiglia Parmiggiani.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.