La faccio molto breve, perché sono rimasto estrema...

Recensione di del 30/09/2009

Cascina Casarigo

43 € Prezzo
6 Cucina
6 Ambiente
5 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Negativo
Prezzo per persona bevande incluse: 43 €

Recensione

La faccio molto breve, perché sono rimasto estremamente insoddisfatto e deluso dalla pochezza di questo locale, che a mio parere non merita il rating attuale de “ilmangione.it”. Innanzitutto l’assoluta indifferenza nell’accoglienza da parte del personale di servizio, che a fatica ci ha indicato la piccola sala in cui avremmo cenato. Voto di sufficienza all’ambiente interno, domestico e rustico, giusta espressione dell’azienda agrituristica che ci ospita. Nulla di particolare sul tovagliato né sulla posateria, tutto appare in ordine e pulito. Oltre a noi, vengono fatti accomodare altri due ospiti. Prezzo "scandaloso" del coperto: 2,5 euro/cadauno.
Il menu viene raccontato a voce dal personale di sala: praticamente due tipi di antipasto (vegetariano e di salumi), due primi (risotto al rosmarino e gnocchetti alle zucchine e zafferano), due secondi (tagliata di manzo e cervo in umido con polenta). Una buona scelta di vini auto-prodotti, con breve descrizione delle caratteristiche organolettiche e altre informazioni utili. Noi scegliamo uno Scernì Rosso da 12.5° (euro 13).

Al prezzo di 9 euro a porzione, ci viene servito un mix di verdure grigliate (niente di eccezionale) e un piatto con due fette di salame, due di pancetta, una tartina al formaggio e una fetta di salame d’oca, a parte un piattino con due formaggini locali con miele (consistenza e gusto tra un taleggio e un gorgonzola).

La tagliata viene servita con scaglie di parmigiano e patate al forno, al prezzo esagerato di 15 euro. La porzione è appena sufficiente, la qualità della carne discreta, la preparazione appena sufficiente.
Il cervo viene servito con della polenta calda, al prezzo di 13 euro. Porzione abbondante, la carne è abbastanza morbida e l’odore abbastanza “attenuato” dalla preparazione in salmì.

La lista dei dolci prevede: torta al cioccolato con cubetti di pere (ne abbiamo divisa una porzione in due, prezzo 4,20 euro), crème caramel, sorbetto al limone e un’altra torta casalinga ai frutti di bosco. Associamo un bicchierino di passito fresco (euro 3,50/cadauno).
Caffè preparato con moka (euro 1,20), amaro non offerto dalla casa (euro 3/cadauno).
Nota negativa: si paga solo in contanti o con assegni, per un totale di 85,60 euro (ragionando in lire, sarebbero 83.000 a testa per una cena non alla carta e senza primo piatto, non li ho spesi nemmeno quando ho mangiato da Moreno Cedroni). Complimenti per i facili guadagni e auguri vivissimi, ma io non ci torno.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.