Tradizione piemontese

Recensione di del 22/12/2020

Al Borgo Antico

47 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 47 €

Recensione

Giornata pre Natalizia, Pre e post Lockdown, diventa anche difficile organizzare un pranzo di lavoro fra Ristoranti che hanno deciso di non riaprire e Ristoranti che hanno esaurito la capienza. Dopo un giro di telefonate comunque trovo al Borgo Antico che avevo messo un po’ in là nella lista perché tipicamente riservato ai pranzi autunnali quando imparano funghi e tartufi.

Ambiente sempre uguale a se stesso che non sto a ridescrivere, menù ricco don una dozzina di antipasti, una dozzina di primi, una dozzina di secondi di carne ed altrettanti secondi di mare; il Piemonte la fa da padrone, specie sugli antipasti con Albese con porcini, Battuta, flan con fonduta, ma anche sugli antipasti con plin ed agnolotti serviti i tutti i modi

Buona carta dei vini, bella selezione di bolle Alta Langa ma ovviamente quella che vado a scegliere non è a temperatura e si scatena un entropico processo dove ci mostrano le bottiglie ed alla fine andiamo a scegliere un Cuvèe Valentina Nature di BelColle, un blend di Chardonnay e Pinot Nero, un bel naso elegante di frutta.

Partiamo con gli antipasti, uno dei miei commensali prende un classico, il Vitello Tonnato, scelta sempre felice.

Per me invece una delle mie passioni, il Salame di Trippa di Moncalieri: la trippa viene bollita nei calderoni, pressata, condita con le spezie ed insaccata nel budello. Il risultato è un salume dal bel colore rosa con tante venature bianche, morbido al palato, condito con un po' di olio evo che ben si abbina con un gusto che è sorprendentemente delicato.

Sui secondi i miei commensali prendono dei filetti, uno alla piastra e l’altro con aceto balsamico, carne di qualità, un po' tropo carico quello al balsamico.

Per me invece lumache alla parigina, che sarebbero alla bourguignonne, con il suo sughetto di aglio, burro e prezzemolo che il naso sente appena il piatto esce dalla cucina. Sono un dozzina, belle grosse, molto morbide in bocca, quel gusto peculiare della lumaca che io apprezzo molto, un sughettino da farci la scarpetta e che non risulta per nulla pensate malgrado l’intenso odore dell’aglio facesse presagire il contrario.

Finiamo con una bunet, forza cilindrica come i budini anziché a lingotto, buona ma dalla consistenza troppo da budino, manca quell’effetto ruvido che dovrebbe contraddistinguerla.

Caffè per tutti, conto da 47 euro a testa su cui influisce molto il costo della bolla, esperienza positivo.

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.