A dispetto della fama, il centro di Modena non si ...

Recensione di del 28/11/2011

Da Danilo

23 € Prezzo
8 Cucina
7 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 23 €

Recensione

A dispetto della fama, il centro di Modena non si può certo definire prodigo di ristoranti, specie se si ha la ventura di passare di lì durante le feste. La piccola via Coltellini fa eccezione e ci offre, tra altri due ristoranti, questo piccolo e intrigante locale tipico: "ristorante, già trattoria, da Danilo".
Entriamo a locale già pieno, il proprietario gentilmente ci trova un posto con un'attesa di 20 minuti, che comunque non ci pesa. Il locale è costituito da due stanze minuscole affollate di tavoli, arredate con legno a vista e lampadari bianchi, nel tipico stile delle trattorie anni '70. Un retrò piacevole e genuino, che si rispecchia nelle tovaglie di tela spessa, nei tavoli di legno e nei carrellini degli antipasti. Il servizio è familiare e gestito con attenzione, cordiale e non invadente. I bagni puliti e ordinati.

La prima scelta ricade sugli antipasti. Gli affettati misti accompagnati da formaggio con fichi e gnocco fritto si rivelano un'eccellente esordio: prosciutto di Parma dolce e ben affettato, coppa piacentina saporita. La vera sorpresa sono tre magnifici esemplari di gnocco fritto, croccanti e ben formati, fatti di pasta soffice e non unta. Una rarità. Il tortino alle verdure con salsa di formaggio è un altro antipasto riuscito: morbido e di sapore delicato, è ricoperto di una salsa al formaggio saporita ma leggera.

I primi piatti sono più ordinari, ma si rivelano di buona fattura. I tagliolini al ragù di cinghiale sono ben cotti e sapidi. I tortelli di ricotta e spinaci sono accompagnati dall'aceto balsamico (e, forse, da un eccesso di burro): un abbinamento che esalta il gusto lieve della pasta e del ripieno (di fattura casalinga) superando la mia perplessità iniziale.

I dolci ci tentano: tortelli ripieni, mascarpone, tiramisù e zuppa inglese troneggiano nelle loro coppette mostrando una fattura baldanzosamente casalinga. Memori degli eccessi festivi resistiamo strenuamente. Ci rimarrà la voglia per tutto il pomeriggio.

Il conto arriva puntuale e dettagliato: 23 euro a testa. Una cifra che consideriamo onesta per un pranzo ben strutturato, che si costruisce su piatti semplici ma ben cucinati e su ingredienti di qualità.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.