Andiamo a Milano a mangiare un poo' di pesce? Vole...

Recensione di del 02/06/2010

Trattoria del Pescatore

50 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
5 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 50 €

Recensione

Andiamo a Milano a mangiare un poo' di pesce? Volevamo provare questo ristorante, ma poi per un motivo o per l'altro non eravamo mai riusciti.
Decidiamo di passare direttamente e vedere se abbiamo fortuna, sono le 19:30,
entriamo e chiediamo se ancora hanno disponibile un tavolo da due. I cuochi stavano cenando prima di iniziare a lavorare, è una scena simpatica, che mi ricorda qualche film. Hanno un tavolo a condizione di lasciarlo libero per le 21:30. Accettiamo e aspettiamo l'orario di apertura.
Il locale non è grandissimo, nulla di particolare nell'arredamento, ma sembra simpatico, sulla sinistra dell'entrata c'è una quantità di pesce su ghiaccio.
Ci portano un pane intero però già inciso a fette in modo che si possa agevolmente staccarne la quantità che serve.
Non ci portano menu ma ci dicono se vogliamo iniziare con degli antipasti misti.
Chiediamo cosa c'è negli antipasti, e siccome io non amo molto i sottoli e gli antipasti già pronti decidiamo per un carpaccio crudo di tonno.
Ci viene servito su un vassoio bianco lunghissimo (non pieno di tonno) ma una quantità sufficiente e di ottimo sapore.
Stessa storia per i primi, nessun menu e ci raccontano a memoria una serie di piatti (secondo me il cameriere se ne è dimanticati almeno la metà), anche interessanti, ma l'attenzione poi è stata colpita da tutti i piatti di astice alla Catalana che vedevamo passare.
Ci adeguiamo volentieri alla massa e ordiniamo catalana per due con pomodori e cipolla abbondanti. La catalana è abbondante e non come è successo in altri ristoranti in cui le code dei crostacei sono assenti, qui era abbondante e buona. Anche l'olio non era male (detto poi da un toscano vale doppio!).
Abbiammo preso come vino un Vermentino sardo, un produttore che non conoscevo, leggermente diverso da quelli che di solito bevo, leggermente più acidulo, ma piacevole.
Terminiamo con due caffè e un mirto offerto.
Giudizio positivo, abbiamo speso 100 euro in due persone.
Se posso fare una annotazione, non amo molto i menù detti così a voce, mi fa piacere se i menu cambiano spesso in base a ciò che lo chef trova al mercato,
è indice di qualità, ma magari anche una lavagnetta aiuta a scegliere con più tranquillità cosa degustare, invece di una sfilza di piatti tristemente ripetuti dal cameriere. Vale la pena di visitarlo specialmente se amate la catalana.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.