Nelle mie visite milanesi sono solito abbinare ad ...

Recensione di del 28/06/2008

Osteria Via Prè

35 € Prezzo
5 Cucina
5 Ambiente
4 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

Nelle mie visite milanesi sono solito abbinare ad una giornata passata tra mostre, musei e shopping, una serata a cena in un ristorante scelto in precedenza.
Tra le varie opzioni che io e la mia compagna ci eravano segnati, abbiamo scelto la cucina ligure proposta dall'Osteria di via Prè. Il locale si trova in zona Navigli e questo ha creato la prima difficoltà della serata, poichè tra sensi unici, strade chiuse per il mercatino e tipica folla estiva, ho impiegato circa mezz'ora per trovare parcheggio.
Ovviamente ho adottato per un parcheggio "criminale" sopra un marciapiede di una vietta che ormai ben mi conosce, con la promessa peraltro che d'estate e di sabato non andrò mai più a cena in zona Navigli.

Giunti al locale, senza prenotazione, ci fanno accomodare all'esterno. Facciamo giusto in tempo a dare una rapida occhiata all'interno: la sensazione è che il locale sia più simile ad un lounge bar, con luci rosse e musica ad alto volume, che ad un ristorante.
Il tavolino posto in una zona di marciapiede delimitata e sotto ombrelloni è abbastanza appartato, peccato che nessuno abbia pensato di accendere delle candele alla citronella o qualcosa di simile visto che dal vaso di siepe si è subito alzato uno stormo di piccole amiche assetate di sangue (zanzare). Ciò mi fa pensare che il servizio non sarà molto curato e il resto della serata mi confermerà il tutto.

Siamo lì per mangiare e quindi ordiniamo: un antipasto ed un primo a testa. Prima delle cibarie ci facciamo servire 2 aperitivi per dissetarci: spritz per me, una variante analcolica del Mojito per Paola.

Arrivano le pietanze: misto di torte salate per me, Paola sceglie l'antipasto Prè. Le porzioni delle 3 torte sono piccole, quella al pesto è molto buona, le altre due sono decisamente inferiori a quella che mi preparo io a casa di solito. L'antipasto di Paola è lievemente migliore: pesce in carpione (buono), della normale ratatouille, tonno in salsa di yogurt, una zuppetta di legumi vari (anche questa buona) e poco altro. Le porzioni anche qua sono microscopiche.

Peraltro non ci viene servito il pane e visto il tipo di antipasti, tutti a base di salsine varie, è una mancanza notevole.

I primi scelti sono pansotti con salsa di noci e trofie all'ortica. I pansotti sono insapori, sembrano un piatto mal riuscito della mia cucina, le trofie sono appena meglio, sembrano quelle comprate al supermercato di marca buona e l'ortica non lascia il segno.

Ad accompagnare i piatti l'immancabile acqua e una bottiglia di Ciliegiolo. Sulla carta è inserito sia tra i rossi che tra i rosati. Scelgo il rosato e la bottiglia che mi viene portata è di un rosso ciliegia acceso. Mi viene il dubbio che si siano confusi e infatti chiedo, vista la mia ignoranza su questo vino che non conoscevo, ma mi confermano che si tratta di rosato, peraltro qualche dubbio mi rimane. Il vino è comunque da me gradito.

Insoddisfatti, non avendo voglia di cercarci una gelateria, chiediamo il dolce. Per me un dolce di cui non ricordo il nome, ma che in sostanza trattasi di torta di mele caramellata, per la mia lei una Sacripantina, ossia torta al cioccolato con crema di fragole. Ninte di speciale, tuttaltro. Caffè e conto di 78€.

Questa è la mia prima recensione negativa sul sito, altre ne avevo sfiorate, ma non le avevo poi scritte. In questo caso credo che il locale si meriti i voti negativi espressi.

Il servizio lascia a desiderare, non tanto per le ragazze che servono ai tavoli (orecchiando mi sembra di aver capito che sono tutte giovani studentesse straniere non certo pratiche del lavoro), quanto per le mancanze di chi gestisce il locale.
La cucina si è rivelata insoddisfacente ed è un vero peccato rovinare la cucina ligure che apprezzo abbastanza.

Concedo all'Osteria di via Prè il solo beneficio del dubbio che d'estate, forse, sono più interessati ad una clientela da aperitivo e stuzzichini, vista la locazione, che forse le porzioni erano misere per il caldo, che magari di inverno la situazione è ben diversa e l'aspetto da lounge bar svanisce. Rimandata con riserva a gennaio, anche se non so se avrò voglia di fare io l'esaminatore.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.