Conoscevo già l'Officina 12, un ristorante molto c...

Recensione di del 31/05/2010

Officina 12

47 € Prezzo
7 Cucina
9 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 47 €

Recensione

Conoscevo già l'Officina 12, un ristorante molto carino sui Navigli, ed essendomi trovata bene l'ho scelto per festeggiare un'occasione particolare.
In quanto ad atmosfera e cura per l'estetica, le mie aspettative sono state soddisfatte. Aggiungo poi che, soprattutto in questa stagione, la zona di Milano in cui si trova questo ristorante è particolarmente piacevole: prima o dopo cena si può passeggiare lungo il Naviglio, godendo il "panorama" e la vivacità della vita notturna di questo quartiere (lunedì sera compreso).
Il ristorante è ampio: c'è una zona all'aperto sul Naviglio, la parte interna ed il giardino. Visto che fa caldo e che abbiamo già cenato all'interno, decidiamo di stare in giardino. Ci sono dei pergolati, le luci sono sistemate bene, peccato che ci mettano ad un tavolo in pendenza su una piccola discesa. In ogni caso non c'è nessun problema per cambiare posto e sistemarci ad un tavolo migliore.
Anche se sono solo le 20:30 la parte esterna di fronte all'entrata ed il giardino sono già praticamente pieni; a cena inoltrata lo saranno completamente ed in parte anche la zona interna.
Il menu è abbastanza vario, comprende antipasti, primi, secondi di carne e pesce, dolci.

Decido di prendere come antipasto una loro rivisitazione della parmigiana di melanzane. Il piatto che mi arriva è ben presentato, ma il contenuto non è un granché per i miei gusti: le melanzane sono state come "frullate" e appaiono sotto forma di "budino", circondato da sugo di pomodoro crudo, costellato da qualche goccia di pesto, il tutto ricoperto da scaglie di un formaggio molto simile alla feta. Gli ingredienti di sicuro sono buoni, ma ridurre così le melanzane è davvero un peccato, soprattutto se si pensa che il nome che è stato dato al piatto ricorda una delle ricette più golose della nostra cucina!
A mio marito va meglio: ordina dei rigatoni con un sugo che in pratica è una rivisitazione dell'amatriciana. Infatti comprende dei pomodorini ciliegini cotti in un sugo leggero, fette abrustolite di pancetta ed una spolverata di scaglie di pecorino. Davvero un piatto buono e sicuramente gustoso, nonostante sia presentato in chiave decisamente più leggera rispetto all'originale amatriciana.

Passiamo quindi ai secondi. Io ordino un filetto di manzo alla griglia con flan di parmigiano. Mi viene servita della carne ottima, sia per consistenza (tenerissima) che per cottura, accompagnata da un buonissimo tortino al parmigiano (cremoso dentro e croccante fuori) e delle patate al forno non all'altezza del resto, secche fuori e asciuttissime dentro, e mi viene in mente, riassaggiandole, di averle già avanzate la volta precedente.
Mio marito prende la faraona all'arancia, che è molto buona... peccato che sia accompagnata dalle stesse patate.

Concludiamo la cena con due dolci: un tortino di cioccolato e pere con aggiunta di gelato alla vaniglia ed una panna cotta con crema al caffè, entrambi nulla di speciale.
La cena è stata accompagnata da due bottiglie di acqua naturale e da un Pinot Nero dell'Oltrepò (avevamo chiesto una bottiglia da mezzo litro e invece ce n'è stata servita una più piccola).

Posso aggiungere che il servizio è stato gentile, anche se ricordo che la volta precedente ci capitarono dei camerieri più piacevoli; in ogni caso non abbiamo aspettato molto tra una portata e l'altra e abbiamo avuto modo di chiacchierare con calma senza essere incalzati dalle ordinazioni.
La spesa totale è stata di 93 euro. Nel complesso bene, anche se credo ci sia ancora sicuramente un margine di miglioramento.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.