Con un ospite romano decidiamo all’ultimo minuto d...

Recensione di del 07/12/2011

Maxelâ (Via E. Villoresi)

37 € Prezzo
6 Cucina
6 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 37 €

Recensione

Con un ospite romano decidiamo all’ultimo minuto di andare a cena fuori e, conoscendo la sua predilezione per la carne, la nostra scelta ricade sul Maxela. Telefono per la consueta prenotazione e ci confermano la disponibilità di un tavolo per quattro persone per le ore 21 segnalandoci la possibilità di parcheggiare l’auto in un garage pubblico convenzionato non molto lontano. Segnalazione che colgo al volo vista la difficoltà di parcheggio in zona e considerato che, per gli ospiti del Maxela, le prime due ore di sosta sono gratuite. Arriviamo puntuali, l’ingresso riproduce fedelmente una autentica macelleria (da ciò il nome) di altri tempi con tanto di banco per la carne con diversi tagli in bella mostra. Percorriamo uno stretto corridoio che attraversa le cucine per giungere nella sala principale, qui veniamo accolti da una giovane ragazza che ci mostra il tavolo a noi riservato.
Non mi soffermerò nella descrizione della location piuttosto anonima o, comunque, con un gusto di “già visto”.
Il nostro tavolo è rettangolare in legno scuro e con piano in marmo, tovagliette in carta paglia, posateria e bicchieri di ordinanza e per tovagliolo un autentico canovaccio.
Arrivano i menu: una tavoletta di legno ed un foglio di carta recante le proposte culinarie tenuti insieme da una molletta da bucato. Simpatico.
Le proposte, come ovvio, sono tutte di carne e spaziano dalle classiche fiorentine e costate “a peso” alle tagliate, agli hamburger, alle grigliate miste.
La nostra scelta ricade su una fiorentina per due, una tagliata all’aceto balsamico ed una bistecca. Tutte le proposte sono accompagnate da chips.
Da bere acqua gasata e liscia ed una bottiglia di Syrah 2009 che per rapporto qualità/prezzo si rivelerà davvero eccellente.
Pochi minuti e ci vengono servite le nostre ordinazioni. Non mi soffermo sulla descrizione di ciascun piatto in quanto abbastanza semplici.
Solo una nota, la fiorentina viene servita già tagliata e ricomposta su una padella di ferro che, a mio avviso, avrebbe dovuto essere rovente in modo da mantenere calda la carne mentre invece era assolutamente fredda tanto da vanificarne l’utilizzo.
Parere concorde di tutti i commensali: la qualità della carne è discreta, le porzioni un po’ ristrette e comunque non adeguate al prezzo proposto. Anche la fiorentina, a noi servita, per un peso di kg 1,2 (segnalo un costo di € 5,00/etto) più che un piatto principale è sembrato uno stuzzichino. Lungi da me l’idea che il peso a noi riportato, e poi conteggiato, fosse esagerato di proposito ma l’impressione è stata questa.
Concludiamo con due tiramisù e una fonduta di cioccolato fondente con frutta, un caffè e due grappe per un conto complessivo di € 150,00.
Mah...

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.