Il ristorante ha cambiato gestione nel primo semes...

Recensione di del 29/07/2011

La Piola

13 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 13 €

Recensione

Il ristorante ha cambiato gestione nel primo semestre 2010 e attualmente è condotto dal cuoco pugliese Santo aiutato ai tavoli dalla moglie e dal figlio.
Dispone di circa 40 coperti (50 quando la bella stagione consente di pranzare all’aperto).

Benché sono solito pranzare usufruendo della formula aziendale (menu a € 13 comprensivo di un primo piatto a scelta fra tre, un secondo piatto con altrettante varianti, dolce o frutta e caffè) le portate, pur non cucinate espresse, tendono sempre ad essere curate, tanto che il livello qualitativo è sempre elevato, quantitativamente è nella media.
I piatti proposti sono piuttosto ciclici nel corso delle settimane ma si differenziano da stagione a stagione e penso che tale scelta sia giustificata dal fatto che per mantenere accettabili margini di guadagno senza intaccare la qualità offerta la scelta degli ingredienti debba essere predeterminata.

Tra i primi, sempre in cottura, che a mio parere risaltano vi segnalo un ottimo risotto gamberetti e frutti di bosco (lamponi, more, mirtilli) che fa molto nouvelle cuisine. Devo dire che malgrado i dubbi iniziali l’accostamento risulta essere molto gradevole al palato; il sapore dolce e delicato della frutta si associa piacevolmente al frutto di mare.
Riguardo ai secondi apprezzo in particolare i piatti a base di manzo (carpaccio, tartara, hamburger,..) ove emerge sempre il tocco di una persona navigata e la freschezza della carne presentata a tavola. Benché semplice, tengo a sottolineare che l’hamburger sembra essere preparato nella sua completezza a mano dal cuoco. Peccato che ogni tanto si tenda ad irrorare con un’abbondante mano d’olio le portate appena descritte.
Di particolare pregio i dessert che di tanto in tanto vengono inclusi nel menu aziendale (millefoglie e tiramisù in particolare). La macedonia viene spesso tagliata e confezionata al momento e bagnata da un delicato "sughetto" di arancia/pesca. Alla base vi sono sempre ingredienti freschi e miscelati alla perfezione.

Il servizio non è sempre veloce ma considerate che la pausa pranzo è limitata all’ora (non proprio ideale per uno slow food) e nei momenti di particolare affluenza moglie e figlio cercano di cavarsela come possono.
Sarebbe auspicabile isolare maggiormente la cucina per evitare di portare con sé i profumi della cucina.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.