Dopo forse qualche anno che non andavo più a mangi...

Recensione di del 20/10/2012

Kapuziner Platz

25 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €

Recensione

Dopo forse qualche anno che non andavo più a mangiare in questo locale, da me sempre molto apprezzato, decido di ritentare a prenotare per il sabato sera (di solito era assolutamente impossibile, sempre pienissimo, si doveva pensarci con largo anticipo e prenotare almeno tre giorni prima) e la fortuna è dalla mia parte, perché lasciando il messaggio in segreteria all’ora di pranzo (quando il locale è chiuso), non vengo richiamato entro le 19 e quindi la prenotazione è automaticamente confermata (sistema un po’ strano, non mi era mai capitato).
Dopo le solite difficoltà nel trovare parcheggio entriamo e possiamo subito accomodarci al tavolo, un tavolone da sei posti che dobbiamo dividere con altre due persone già accomodate. Comunque il tavolo è abbastanza ampio, alla fine la distanza è più o meno la stessa di quella che si ha tra due tavolini singoli in un “normale” ristorante. Qui in effetti l’atmosfera è assolutamente particolare, tutto in legno, tavoloni e panche comprese, brocche per la birra dappertutto, stendardi e manufatti di ogni genere in perfetto stile bavarese (tutti bianco-azzurri, i colori di Monaco di Baviera), personale vestito alla bavarese. Il coperto è rappresentato solo da una tovaglietta di carta, un tovagliolo di stoffa e le posate si pescano da un boccale al centro del tavolo. Alla fine va bene così, non è il posto dove cercare tovagliette ricamate e servizi di bicchieri e posate di lusso.

Rapida lettura al menù e siamo subito pronti ad ordinare. Inganniamo l’attesa con un brezel, il classico pane intrecciato, buono, molto buono (io in effetti lo adoro), anche se purtroppo non caldo ma a temperatura ambiente. Altrimenti sarebbe stato perfetto. Ci portano subito anche le due birre che abbiamo ordinato, una Kulmbacher Pils (la classica bionda che non delude mai, con giusto un leggero retrogusto amarognolo) ed una Fest Bier. Quest’ultima non è presente nel menù perché è una birra “stagionale”, presente durante questi mesi e spillata anche all’Oktober Fest. Ottima, anche più piacevole della Kulmbacher.
Arriva prima di tutto la grigliata mista di mia moglie: su un tagliere di legno ovale è appoggiato una specie di piatto di arenaria (o simile) rovente, per tenere la carne al caldo, con abbondanti e vari pezzi di carne di maiale (nodino, braciola, un wurstel, delle puntine ed anche un pezzo di Praga), accompagnato da una ciotolina, per la verità un po’ piccola, di verdure cotte miste. La carne è di discreta qualità, tutto comunque fresco e cotto al punto giusto, e con il piatto rovente non è un problema gustarsi il tutto con calma senza poi il rischio di trovarsi gli ultimi pezzi ormai freddi.
Io invece opto per un piatto nuovo, la “padellata di manzo”: mi viene portata una padella dello stesso materiale del piatto di mia moglie, anch’essa rovente, dove su uno strato di patate al forno sono adagiate diverse fettine sottili di manzo (per capirci, dimensioni simili a delle scaloppine), cotte appunto in padella, con sopra delle fette di pancetta, con l’aggiunta di prezzemolo e qualche altra erbetta che non sono riuscito ad identificare anche perché tritata. La carne non è il massimo in quanto a qualità, sembrano un po’ le fettine di scamone che si trovano comunemente al supermercato, però il connubio con le patate, la pancetta e le erbette rende il piatto assolutamente buono ed anche un po’ inusuale. Ottimo connubio.

Entrambi fatichiamo a terminare il nostro piatto, però siamo golosi ed ordiniamo un gelato al latte con sopra del miele e dei pinoli (servito anche con una spolverata di cacao) ed un gelato alla crema con salsa di mirtilli calda. Entrambi i gelati sono serviti dentro una cialda, adagiata su un piatto e guarnita con attenzione. Anche in questo caso la qualità del gelato è normale, ma con l’aggiunta del miele o della salsa ai mirtilli il risultato generale è ottimo. Abbiamo finito, siamo veramente soddisfatti da quello che abbiamo mangiato ed ancora una volta abbiamo avuto una conferma da quello che un tempo era uno dei nostri posti preferiti per una serata diversa dal solito. La spesa complessiva la giudico assolutamente allineata a quanto mangiato.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.