Prenotiamo con qualche giorno di anticipo senza di...

Recensione di del 27/03/2006

Joia Leggero

44 € Prezzo
8 Cucina
7 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 44 €

Recensione

Prenotiamo con qualche giorno di anticipo senza difficoltà. Il locale è facilmente raggiungibile da Porta Ticinese, il parcheggio un po' meno agevole in zona Navigli, ma la serata del lunedi è fortunatamente poco affollata.
All'ingresso ci accoglie una cameriera sorridente che si occupa dei soprabiti e ci fa accomodare in un tavolo per due accostato alla parete.

Il locale è confortevole, luci calde e soffuse, con prevalenti toni dell'arancio. Apparecchiatura essenziale con tovagliette all'americana di carta. Pregevoli bicchieri Riedel senza stelo.

Il menu è solo apparentemente complicato. La cameriera si offre gentilmente di spiegarci la filosofia della cucina.
Come già descritto in una precedente recensione, si tratta di abbinare un ingrediente principale a una salsa e a un particolare piatto di accompagnamento. Per i secondi vi è anche la possibilità di scegliere la modalità di cottura del pesce (alla griglia, al vapore o marinato all'orientale).
Una volta compreso il meccanismo degli abbinamenti ci divertiamo a "inventare" i nostri piatti.

Nell'attesa del nostro ordine giunge al tavolo un piccolo piatto di panini fragranti, alcuni integrali e altri bianchi.

Ordiniamo una bottiglia di Sauvignon del Collio Villa Runc del 2004 che giunge al tavolo un po' freddo. Dopo qualche minuto, guadagna un paio di gradi e un piacevole aroma.
Una bottiglia di acqua minerale frizzante.

Le nostre scelte:
Per me composizione di sei "cubi": riuscitissima selezione di sushi mediterraneo rigorosamnente a base di sole verdure e pesce in diversi accostamenti tra cui: riso basmati e gambero scottato, crema di zucca e noci, spinaci e tonno, cipolle marinate con spuma di zola. Molto coreografica la presentazione in piatti rettangolari di ceramica bianca. Ottimo. Voto 8.
Per lui prima "costruzione" personale: carpaccio di orata e tagliata di polipo con salsa all'uva e alle erbe. Presentate in un piccolo piatto squadrato, alcune fette di orata perfettamente sfilettate e ricoperte di germogli alfa-alfa. Decisamente ottimo il pesce, poco sapida la salsa. Voto 7.

Come primo piatto scegliamo le "orecchiette con broccoli, ricotta e uvetta" accostata a "gamberi con cipolle di Tropea e zucchine piccanti". Ancora una volta molto scenografica la presentazione, per quanto essenziale nelle linee. Sono soprattutto gli accostamenti cromatici del bianco e del verde a rendere ulteriormente appetitoso il piatto. Le orecchiette sono immerse in una sorta di vellutata di ricotta, molto delicate, forse leggermente slegate dal condimento a base di broccoli. Buone le verdure saltate, croccanti e aromatiche. Voto 7.

Per secondo optiamo per "capesante, spinaci e nasello alla griglia con verdure saltate nel wok e salsa all'orientale". Le capesante, ancorchè due di numero, sono cotte alla perfezione, di consistenza soda. Il nasello è invece scialbo e un po' triste. Ottime le verdure. Voto 8

Infine il dolce. Optiamo per una "crema catalana al cioccolato con gelatina di uva". Sublime. Scioglievole e per nulla stucchevole. Voto 9.5

Due bicchieri di jerez Pedro Ximenez per concludere in bellezza la serata.

Rapporto qualità/prezzo non eccezionale ma tutto sommato ragionevole. Gli antipasti vengono proposti a 13 euro ciascuno. Il primo piatto a 14 e il secondo a 17 euro. 20 euro per il vino, 3 per l'acqua. 13 euro per il dessert e 8 euro per lo sherry. Complessivamente un conto di 88 euro.

Servizio attento e puntuale, ma discreto. Lo chef si è avvicinato a fine serata per assicurarsi della nostra soddisfazione. Piacevole l'ambiente, poco rumoroso, frequentato a quanto pare anche da qualche "celebrità". La nostra stessa sera cenavano accanto a noi Biagio Antonacci e la compagna Marianna Morandi.

Un buon posto, da consigliare anche solo per un aperitivo diverso, magari da sorseggiare direttamente al bancone.
Vien voglia di tornare a "testare" qualche altro invitante abbinamento.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.