UTILIZZO DI COUPON La Redazione

Recensione di del 24/02/2012

Il Santo Bevitore

18 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 18 €

Recensione

UTILIZZO DI COUPON La Redazione

Avevo acquistato tempo fa un offerta sul noto sito di Ecommerce Groupon un'offerta per una cena in questo locale. Questa contemplava, al prezzo di 29 la coppia, un antipasto a testa, una costata di cavallo/manzo a testa, con contorno di patate un calice di vino e il caffè. Abbiamo deciso di usufruirne io e la mia compagna un venerdì sera, previa obbligatoria prenotazione in quanto il locale è davvero molto piccolo.
Situato in zona Monumentale a Milano, abbiamo dovuto parcheggiare presso un parking a pagamento, è quasi impossibile trovare parcheggio altrimenti, ma dopo pochi metri a piedi siamo arrivati al locale. Si presenta con tre vetrate direttamente sulla strada ed entrando l'impatto è decisamente buono, un grosso bancone in legno sulla destra, dove spuntano anche le spillatrici della birra e la macchina del caffè, mentre sulla destra pochi tavoli e una scala che porta ad un soppalco ligneo. Tutti i tavoli, sia quelli al piano terra che quelli sul soppalco sono in legno e apparecchiati in modo semplice, presentano infatti una tovaglia bianca, come una striscia, che li attraversa e sulla quale sono già predisposti due piatti piani bianchi, calice per il vino e bicchiere per l'acqua, tovagliolo bianco poggiato sul piattino del pane e posate di buona fattura.

Chiediamo di poter andare ai tavoli del soppalco ma ci viene detto che risultano tutti occupati (noi siamo arrivati verso le 20:30 e fino alle 23 quando siamo usciti sono sempre stati vuoti, ma fa niente). Scegliamo di accomodarci in un tavolino al fianco della scala, e una cameriera, forse la titolare visto che non portava nessun tipo di divisa, ci porta subito i menù, spiegandoci ciò che è compreso nell'offerta. I nomi delle pietanze sono invitanti, quindi avendo come secondo una costata (sceglieremo quella di cavallo) decidiamo gli antipasti: una millefoglie di patate e funghi per lei mentre un piatto di grana con miele, noci e uva per me. Evitiamo poi i due calici di vino e decidiamo di prendere della semplice acqua naturale, la quale ci viene portata immediatamente ma lasciata sul tavolo con "superficialità", senza neppure aprire il tappo della bottiglia in vetro.

L'attesa non è brevissima, probabilmente stanno preparando al momento la millefoglie, quindi aspettiamo volentieri sperando che la nostra ipotesi sia corretta. Nel frattempo non possiamo neppure sgranocchiare nulla per ingannare la fame visto che non ci sono stati serviti nessun tipo di entrée così come neppure un cestino di pane. Quando giungono gli antipasti (solo dopo arriverà il cesto del pane e peraltro di qualità abbastanza scadente), l'aspetto della millefoglie è invitante, il piatto è fumante, nessun tipo di decorazione, ma assaggiandola la mia lei risulta soddisfatta. Essendo una grande amande di funghi, mi fido del suo giudizio positivo. La mia portata invece giunge impiattata su un piatto rettangolare, con un piccolo contenitore contenente miele nella parte sinistra, e molti pezzetti di grana, noci e uva nel mezzo. Alcuni acini sono tagliati a metà. Mi immaginavo almeno che, almeno per fare una bella impressione al cliente, gli acini fossero tagliati a metà e privati dei semi, ma forse sono abituato troppo bene quando mi preparo dei piatti simili a casa. Comunque, a mio avviso l'abbinamento di un miele con un grana freschissimo non è stato il massimo, inoltre quest'ultimo non era certamente di buona qualità, porzione abbondante ma giudizio non conforme al nome altisonante del piatto.

Terminato, attendiamo circa una decina di minuti e arrivano le costate. La dimensione è buona, una porzione decisamente abbondante, saranno certamente sul mezzo chilo e sono accompagnate da delle semplici patate al forno. Per le costate sicuramente una nota positiva, cottura al sangue come richiesto e la carne di cavallo è sinceramente molto molto tenera. In questo caso hanno soddisfatto entrambi.

La cameriera giunge a chiederci se avevamo gradito e confermiamo, sparecchia la tavola e ci chiede se gradiamo un dolce. Bypassiamo questa opportunità e scegliamo, anzi lo sceglie solo la mia compagna, un bicchiere di Malvasia con dei biscotti. Poco dopo ci viene servito l'alcolico (in un bicchiere ballon, quindi non adeguato) accompagnato da un vaso in terracotta grossissimo ripieno completamente di cantucci. Il vaso ammetto che è stato una piacevole sorpresa, infatti ne abbiamo mangiati un bel po' anche se non credo fossero fatti in casa, e terminato ordiniamo due caffè che fortunatamente ci vengono consegnati belli caldi.

Terminata la cena, consegnamo il coupon alla cameriera, la quale ci rilascia una ricevuta e ci fa pagare solamente il Malvasia con i biscotti per la cifra di 6 euro. Nessun problema per il pagamento, ma ammetto che, visto che non avevamo usufruito dei due calici di vino presenti nell'offerta, di certo non avrebbe fatto brutta figura ad offrirci il Malvasia.

In ogni caso, per la costata giudizio davvero positivo, mentre per il resto (a parte la millefoglie giudicata buona anch'essa) a mio avviso il locale prova con nomi ricercati delle portate a nascondere la poca cura che mette nei dettagli (che invece fanno capire molte cose), dal pane che è stato servito a cena in corso, al soppalco dato per pieno mentre per le tre ore della cena risultato sempre vuoto.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.