Tanta buona volontà...

Recensione di del 08/12/2017

Eataly Smeraldo

28 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 28 €

Recensione

Tipica cena sfortunata; che solitamente non segnalo perché una serata storta può capitare a tutti.

Faccio una eccezione per il motivo che qui si tratta di una catena, ormai famosa in tutto il mondo, che vuole essere ambasciatrice della Cucina Italiana.

L'Eataly di Piazza XXV Aprile a Milano, è una bellissima struttura che invoglia all'acquisto e rallegra l'animo di chi ama curiosare e mangiare.

Al suo interno si trovano diversi ristoranti. E io, dopo un sopralluogo abbastanza veloce, ho scelto quello dove è possibile ordinare piatti di pesce e carne, nonché la pizza; che è poi quello ufficiale Eataly, essendo gli altri, in primis lo stellato Alice, autonomi e a se stanti. Pur se ospitati nella stessa struttura.

Gentili e sorridenti giovani fanciulle, accolgono i clienti e li accompagnano ai tavoli; sullo stile di quello che succede all'estero.

Ambiente un po' rumoroso, ma di ampio respiro ed accogliente.

Apparecchiatura dei tavoli stile bistrot, completa. Menu vario ed articolato con i soliti prezzi dei vini piuttosto alti.

Preda, come spesso mi capita in questo genere di posti, di una smaniosa voglia di assaggiare tante cose, ho ordinato nell'ordine:

- 2 ostriche: una fine de claire "oleronnaise" e una Special St.Vaast.

- il capocollo di Martina Franca con quartirolo Perla.

- il salame di Varzi "Antica Ardenga" e stracchino delle valli orobiche, da dividere con mia moglie

- Lo Spaghetto Eataly: sostanzialmente il classico spaghetto al pomodoro, ma con materie prime di "eccellenza". (Termine che mi ricorda l'abuso dell'aggettivo "democratico" in campo politico ).

- Una porzione di "Fritto di mare"; anche questa da dividere in due

Le Chips di patate

Chiaramente, vista l'accozzaglia di ordini e di gusti, ho raccomandato alla gentile cameriera di servirmi, ovviamente, le ostriche prima del Capocollo.

E qui sono incominciati i problemi. Preceduti da un, ormai inusuale, incidente causato da un giovane, volenteroso ma distratto, cameriere che ha versato un po' di Langhe bianco sul mio giaccone. Niente di drammatico. Anche se il giaccone ne ha risentito…..

Più seccante l'arrivo dei salumi molto prima delle ostriche. Molte scuse, direi sincere, da parte della cameriera che aveva raccolto le ordinazioni. Una volta arrivate le ostriche, è comparso un terzo cameriere, anch'egli molto gentile, con gli spaghetti al pomodoro. Scartata l'ipotesi di un inusuale/estroso connubio tra Capocollo, ostriche e spaghetti, ho chiesto di portarli insieme al primo ordinato da mia moglie. (entrambi poi si riveleranno molto buoni; in particolare i miei al pomodoro: veramente molto buoni ).

Un po' anemiche invece le due ostriche. Buono il salame di Varzi; ancor di più il Capocollo. Altrettanto si può dire dei due formaggi. In particolare lo stracchino bergamasco.

A questo punto un altro (forse anche questo notevole avvicendamento di personale potrebbe non aver giovato alla precisione del servizio) cameriere, sempre con sincera premurosità, e non lo dico assolutamente in maniera ironica, ci ha chiesto se visto i vari ritardi, nel frattempo era passata ben più di un'ora, volevamo ancora il fritto misto. Al quale, spinto da mia moglie che voleva finire la passeggiata in questo angolo di Milano e rientrare a casa, un po' a malincuore ho rinunciato. E forse ho sbagliato; visto che le Chips di patate fritte erano molto buone. E quindi probabilmente anche il fritto misto sarebbe stato altrettanto buono ed asciutto/croccante. Peccato.

I vari piatti sono stati accompagnati da una caraffina da mezzo litro di Langhe bianco di Fontanafredda, preceduto da un calice, solo per me, di Contessa Rosa Altalanga Rosè Brut sempre di Fontanafredda.

Buono il Brut; onestissimo il bianco fermo.

In conclusione: voto 6 al servizio che è la media tra 9 (per la gentilezza e serietà con la quale mi hanno dato la disponibilità anche a rimborsarmi la Tintoria) e il 3 per il servizio vero e proprio;

7 alla Cucina (e alla materia prima) e 7 all'ambiente; comprendendo un po' tutto. Dai vari ristoranti alla parte più propriamente commerciale. Con prezzi altini ma non esagerati calcolando l'area milanese-europea e sempre chiaramente per il mio metro di giudizio.

Lodevole l'interessamento per il danno causato; con uno sconto del 20% sul conto finale di 56.50 euro che è stato portato a 45.20 come rimborso per la lavatura. Nonchè la disponibilità ad un eventuale rimborso in caso di danno permanente; cosa che per fortuna non si è verificata.

Rapporto Q/P normale, quasi buono, ragionando ovviamente sul prezzo pre-sconto e ricordandosi che Milan l'è un gran Milan ma è anche più cara della cara vecchia provincia.

Un consiglio da frequentatore, ben disposto, di Ristoranti e/o Trattorie e da nazionalista abbastanza convinto: se vogliamo esportare l'Italian style del cibo, spendiamo un po' di più nell'addestramento e nella coordinazione dei vari giovani camerieri e Cuochi.

Anche perché ho voluto riprovare Eataly (geniale idea/progetto per

valorizzare, all'estero soprattutto, la Nostra Cucina e i Nostri Prodotti ) 8 giorni dopo al FICO di Bologna ed è un peccato avere un così alto potenziale e una così larga messe di prodotti e scivolare, anche al FICO ho rivisto una discreta incertezza, sul servizio.

Foto della recensione

Altre recensioni per "Eataly Smeraldo"

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.