Lunedì 22 novembre 2004, con la scusa di festeggia...

Recensione di del 26/11/2004

Cracco

115 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 115 €

Recensione

Lunedì 22 novembre 2004, con la scusa di festeggiare il settimo anno con la mia ragazza prenoto un tavolo.

Parcheggio proprio davanti al ristorante, la ragazza all'ingresso ci accoglie e ci fa salire in ascensore per scendere al ristorante. Dopo aver consegnato i cappotti ci accompagnano al tavolo. Come aperitivo prendiamo due calici di Dom Perignon del '95 (che a me viene riempito per 3 volte senza ulteriore addebito sul conto) accompagnati da delle alghe fritte, pasticcini salati con salsiccia, polpettine fritte e patate viola fritte. Stuzzicanti e saporiti.
Dal volume dei vini scelgo un vino da me particolarmente apprezzato, Gewurztraminer Kolbenhof di Hofstatter del 2001.

Ci portano due pre-antipasti, uno spiedino di alici fritte infilzate su uno spaghetto con crema di broccoli e una crema di zucca con palline di scamorza affumicata fritte. Entrambe preparazioni ben equilibrate e saporite.

Come antipasto prendiamo dei cuori di capesante alla piastra con giuggiole, melograno e rucola (entusiasmanti!) e delle guance di baccalà con castagne d'acqua e olive nere. Buono il baccalà, ma le capesante erano veramente su un altro pianeta...
Solo io ordino il primo: risotto allo zafferano con midollo alla piastra. Il piatto si presenta molto bene, risotto con consistenza perfetta, giallo intenso ma con alcuni pistilli rossi ancora visibili che davano un tocco di colore in più e il midollo adagiato al centro. La cottura era al dente, giustissima, si intuiva l'ottimo sapore del brodo di carne utilizzato, ma il tutto era un po' penalizzato dal troppo parmigiano utilizzato per la mantecatura e il cui sapore preponderava in bocca.

Come secondo scegliamo la sella di lepre con salsa alle pere, polenta e radicchio. Presentandoci il piatto il cameriere ci prega di prestare un minimo di attenzione in quanto, essendo la lepre cacciata, c'è la remota possibilità di trovare pallini nella carne. Una durissima lotta per decidere se il piatto migliore della serata sia questo o l'antipasto di capesante... Pareggio e non se ne parla più!

La sella era tenera, saporita, con la salsa delicata e non invadente, i bastoncini di polenta croccanti e il radicchio gustoso e per nulla amaro.

Stupiti dal fatto di essere sazi e soddisfatti rinunciamo a malincuore al dolce, ma dalla cucina arriva comunque il pre-dolce, una crema di panna con dello zabaione sopra a rappresentare una specie di uovo, servito in un bicchierino che nascondeva della crema al caffè amaro. Intrigante, curioso e... buono!
Caffè e piccola pasticceria, purtroppo quasi ignorata perchè eravamo ormai definitivamente pieni.

Una ottima cena, l'ambiente distinto e rilassante, servizio attento e preciso (eravamo abbastanza vicini alla porta della cucina, abbiamo potuto notare come veniva organizzato il servizio in sala e abbiamo sentito un paio di "strigliate" del caposala...), un'esperienza da ripetere alla prossima occasione importante.

Cucina Euro 162

Cantina Euro 68

Totale Euro 230

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.