La cicala 02 aperto da poco e da pochissimo rinnov...

Recensione di del 26/09/2006

Cicala 02

45 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 45 €

Recensione

La cicala 02 aperto da poco e da pochissimo rinnovato nella guida in cucina è senza dubbio una delle realtà più interessanti nel panorama della ristorazione milanese.

Molto azzeccata la scelta della zona Romana che sta vivendo da qualche anno una radicale trasformazione e che si candida a diventare uno dei poli di maggior dinamismo per il popolo degli aperitivi e della notte.

Lo Chef Passalacqua, giovane simpatico, tanto alto quanto alla mano, ha già un pedigree di tutto rispetto avendo frequentato grandi maestri della ristorazione come Cracco e Aimo e pur essendo ancora in fase di maturazione dimostra già una discreta mano e un’originalità che fa ben sperare.

In più, forse per scelta di marketing forse per filosofia aziendale, per una cena di tutto rispetto con una decina di portate tra assaggi e piatti veri e propri si spendono vini inclusi tra i 40 e 45 euro.

L’ambiente è moderno diviso in tre ambienti distinti, con i tavoli forse un po’ troppo ravvicinati ma ben apparecchiati.
Siamo stati accolti con cortesia ed efficienza da giovani camerieri in divisa rosso rubino mentre le ordinazioni sono state prese espressamente dallo chef.
Abbiamo ordinato il menù degustazione comprensivo di 7 portate ne abbiamo aggiunta una fuori lista e lo chef ce ne ha omaggiate altre due come appettizer:

Piccolo flan di peperoni con guanciale tostato: per nulla scontato l’abbinamento gustoso e inaspettato il sapore; una vera entrata che ben predispone lo stomaco e la mente.

Crema di zucchine con ricottina di pecora e foglia di salmone:leggera delicata sfiziosa.


Il degustazione a 32 euro comprende:

Il triangolo del buongustaio (vitello,maialino da Latte,coniglio) nel nostro caso il piatto meno riuscito per un errore di temperatura nel caso del maiale e per un eccessiva frollatura nel caso del coniglio. Largamente insufficiente.

Pescespada affumicato in casa con zucchine in conserva: discreto il livello complessivo ma forse un piatto un’po’ stanco…e banale. Voto 6


Ravioli del “plin” ottimi, asciutti, leggerissima la sfoglia serviti in una scenografica minizuppiera che però.. ne contiene troppo pochi; ne avremmo graditi di più.. A quei pochi voto 9

Spaghetti alla chitarra con ragù di coda di rospo cipollotto stufato e capperi buona la materia prima di buon equilibrio l’insieme. Voto 7


Pescato del giorno con porcini trifolati: nel nostro caso un’ottima ricciola, voto 8

Crema catalana al caffè corretto Sambuca porzione mignon ma gradevole. sv

Zuppetta di melone con ghiaccioli al Porto ottimo amalgama in un dolce molto estivo. 8

Inoltre fuori menù abbiamo assaggiato:
Calamari cotti a bassa temperatura con cous cous e piccola scaloppa di fegato grasso d’anatra in assoluto il piatto meglio riuscito con i calamari cotti in modo che in bocca sembrino quasi crudi e la scaloppa grassa a contrastare meravigliosamente; sapido elegante e pieno. Voto 9

Abbiamo bevuto scegliendo da una lista minimale ma ben studiata un Cusumano Angimbè 2005, un Leone Di Castris Fives Roses Rosato Salento 2005, Leone di Castris Villa Santena Primitivo di Manduria 2004 per finire con Hauner Malvasia Di Lipari Naturale 0,375

Caffè e quattro chiacchiere con il simpatico Francesco Passalaqua al quale non abbiamo risparmiato qualche critica pur complimentandoci per il risultato complessivo.
Qualche incertezza e un livello altalenante sono lo scotto da pagare alla giovane età ma i presupposti sono buoni e il talento vero. Avanti così e i risultati non mancheranno.

In sei abbiamo speso 270 euro per un costo di 45 euro a testa con un rapporto prezzo/qualità che giudico molto buono.

Nick

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.