In seguito ad un pranzo effettuato la settimana sc...

Recensione di del 27/12/2008

Casa Tua Osteria

35 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

In seguito ad un pranzo effettuato la settimana scorsa da "Giulio pane e ojo" ci eravamo ripromessi di tornare per provare questa osteria che è direttamente nelle vicinanze. In effetti scopriamo che sono gemellati e, mentre il primo è laziale, questa trattoria è toscana.
Dall'esterno le vetrine appaiono intriganti, le vetrate trasparenti e prive di tende lasciano intravedere l'interno.
Il locale non è luminoso ma neanche cupo, lo stile è ricercato, minimalista come un osteria, particolare come un ristorante.
I tavoli sono di legno, le sedie diverse per tavolo, gli arredi rustici. Mi dicono ci sia un altra sala al piano di sotto.
Ci accolgono con simpatia, c'è un capo sala e tre giovani camerieri. Lo chef continua a girare per la sala (ma pens sia dovuto anche alle poche presenze dovute al dopo festa).

Non ci danno un menu ma lo comunicano a voce: data la particolarità dei piatti facciamo ripetere più volte le portate.
Nel frattempo ci portano dell'acqua microfiltrata, un piatto con della finocchiona e del pecorino toscano, della panzanella (che scopro per la prima volta: pane raffermo con olio, sale, cipolla rossa, pomodoro).

Ordiniamo un primo a testa.
Testaroli olio e pecorino.
Pasta di farina e acqua cotta in terrine, tagliata a quadrettoni condita con olio e pecorino: piatto ottimo, sopratutto perchè non lo avevo mai provato, però penso che a non tutti può piacere quella gommosità del risultato finale.
Rondelloni alla zucca con guanciale.
Nel complesso discreto sebbene il guanciale sia tagliato a cubetti e sia troppo duro, la zucca non rimarca il gusto.
Spaghettoni solferino.
Tipo bucatini, ma senza il buco, conditi con pomodoro e varie spezie, discreto ma la pasta leggermente al dente.

Soddisfatti del primo, rilanciamo con due secondi.
Mezzo arrosto.
Una sorta di roast beef, gradevole, niente di particolare.
Peposa alla fornacina.
Bocconcini di manzo conditi con sugo, ricoperti in superficie da pepe nero tritato e intero. Ottimo piatto molto gustoso, la carne tenerissima si scioglie in bocca, porzione abbondante, il piatto più apprezzato del pranzo.
Di contorno: patate al forno e fagiolini; sui contorni c'è poco da commentare, nel complesso sufficienti.

Per concludere torta di ricotta. Un po' anonima, la pasta un po' dura, ma premia il fatto a mano.
Torta di cioccolato e confettura di fragole. Praticamente lo stesso impasto di quella presedente, il ciccolato fondente copre il sapore della confettura, ma nel complesso buona.
Grappino per finire.

Nel complesso il locale entra nelle mie grazie, forse ancora di più che il fratello "Giulio pane e ojo" in cui ho pranzato la settimana scorsa.
Pecca il fatto di non avere un menu (o forse non me lo hanno dato), ma alla fine sono 10,00 € i primi, 15,00 € i secondi, 5,00 € i contorni, 6,00 € i dessert (forse eccessivo per la poca quantità).
Totale € 89,55: nella ricevuta c'è anche uno sconto 10% che non avevo notato, grazie.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.