Ristorante/pizzeria aperto da poco sull'Alzaia Nav...

Recensione di del 04/06/2006

Anema e Cozze (Via Casale)

20 € Prezzo
7 Cucina
5 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 20 €

Recensione

Ristorante/pizzeria aperto da poco sull'Alzaia Naviglio Grande, nei locali occupati in precedenza da una farmacia, ha saputo riconvertire gli spazi ricreando lo stile marinaro e casual tipico del brand.
Trattasi infatti di una catena di ristoranti in franchising, di filosofia partenopea, che servono la "vera" pizza napoletana e una serie di piatti a base di pesce, tipici della cucina povera di quelle terre.
Il locale è quasi sempre pieno e nei momenti clou (la sera dopo le 21) non accetta prenotazioni, perciò la fila è assicurata.

Le tre luci dell'ex farmacia fanno ora da cornice a tavolini troppo stipati e a camerieri che brulicano come in un formicaio, tanti sono rispetto al numero dei posti a sedere, ma qui siamo sui Navigli e non dubitiamo che tutti questi camerieri abbiano ragione d'essere.

All'interno i difetti più rilevanti sono l'eccessiva luce, sia di giorno, dovuta all'ampiezza delle vetrate non schermate, che di sera a causa dell'eccesso di illuminazione artificiale; le stesse vetrate sono causa dell'altro evidente difetto, ovvero che si è troppo esposti verso l'esterno, tanto da avere la sensazione di essere messi in esposizione.
Una nota piacevole dell'ambiente è invece la cucina, lasciata parzialmente a vista e separata dalla sala solo da una porta automatica continuamente in movimento e dalla quale si può godere del lavorio degli chef.

Il servizio non è male, a dispetto dell'alto numero di camerieri e dell'esiguo spazio a disposizione per i loro movimenti: sono tutti molto cortesi e professionali e non ho mai avuto motivo di lamentarmi.

Veniamo ora alla cucina.
La pizza, cotta rigorosamente in forno a legna, è veramente buona ed è la più vicina alla vera pizza napoletana che si possa pensare di trovare lontano dal suo luogo di origine: la forma non è mai uguale dando quella gradevole sensazione di manufatto a cui ormai non siamo più abituati; la pasta è morbida e ben cotta, la crosta piacevolmente bruciacchiata; la mozzarella è vero fiordilatte fresco e il pomodoro vero sammarzano; l'ottimo olio d'oliva e una fogliolina di basilico fresco completano il quadro.
Per quanto riguarda il pesce l'ingrediente principe sono, ovviamente, le cozze che vengono preparate in ogni modo: dalla classica impepata, al sautè alle insalate.
Devo dire che per essere l'emblema del locale non mi hanno convinto e mi è anche capitato di vedere clienti lamentarsi.
Oltre alle cozze ho provato il fritto a base di calamari, gamberetti, baccalà (surgelati) e "paste cresciute", specie di panzerottini non ripieni, che sono risultati la parte migliore del piatto.

Da dimenticare i dolci, troppo carichi e serializzati.
Il vino bianco della casa è godibile.

Per quanto riguarda il conto: per le pizze siamo intorno ai 15/20 euro cad., per la cucina il prezzo sale fino a 30/35 euro.

Da tenere in considerazione per la classica pizza napoletana, per il resto dipende dai gusti.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.